Preparazione » Preparazione » School of... » School of… Correre in discesa: i principi fondamentali
School of… Correre in discesa: i principi fondamentali

School of… Correre in discesa: i principi fondamentali

Per la rubrica School of… Micol Ramundo ci porta a correre in discesa, per raccontarci la tecnica fondamentale

Andrea Toso

06 Maggio 2021

9

Nell’allenamento per il running bisogna curare ogni dettaglio e non si può improvvisare nulla. Accanto a ripetute, fondi medi o salite bisogna allenare anche la discesa, una componente fondamentale per acquisire una tecnica di corsa completa.

Micol Ramundo per la rubrica School of… ci spiega i principi fondamentali per imparare a correre in discesa, senza affaticare eccessivamente i muscoli durante un allenamento o una gara.

La discesa viene sempre vissuta come libertà, che si corra a piedi o in bicicletta, ma imparare il controllo del movimento anziché subire la pendenza, protegge sia le articolazioni che muscolatura e fa sprecare meno energie. La corsa sullo sterrato è un plus per chi si allena molto: il terreno ammortizza naturalmente la corsa, con minori rischi per tendini ed articolazioni. Per questo molti atleti la prediligono negli allenamenti lenti, anche se poi gareggeranno su asfalto.

Su sterrato bisogna correre in discesa facendo passi frequenti e più corti sempre dentro al proprio baricentro e anticipare gli ostacoli guardando avanti 5/6 metri, senza sbilanciarsi eccessivamente in avanti. In questo c’è una differenza di genere tra donne e uomini, dato che le prime hanno geneticamente un baricentro leggermente più basso, all’altezza dei fianchi, rispetto ai maschi nei quali è situato vicino all’ombelico.

Imparare a governare la corsa in discesa permette di controllarla nei tratti più impegnativi o sterrati, con la tecnica di passi brevi e sicuri, e di aprire invece il passo quando il fondo e la pendenza lo consentano, come nel tratto corso da Micol.

La certezza di avere un passo aperto e disteso deriva dall’ampiezza della falcata e dal fatto che i talloni salgano verso i glutei, a riprova che la spinta sia efficiente. In questo modo si sfrutterà al meglio la pendenza senza sovraffaticarsi ed anzi facendo riposare i muscoli provati dalla corsa “in tenuta”.

La corsa in discesa non è così facile come si immagina, in questa puntata Micol ha svelato qualche segreto per migliorarla: questi punti insieme all’allenamento periodico ci aiuteranno a prendere dimestichezza, soffrendo sempre meno a livello muscolare.

Se aveste delle curiosità su argomenti e temi inerenti alla corsa, lasciatele in un commento al contenuto, così da darci modo di aiutarvi ad ottenere una tecnica migliore.


In collaborazione con Volkswagen Veicoli Commerciali