Trend e prodotti » Tech & Test » Trend e prodotti » Nike Air Zoom Terra Kiger 7, domina lo sterrato!
Nike Air Zoom Terra Kiger 7, domina lo sterrato!

Nike Air Zoom Terra Kiger 7, domina lo sterrato!

Nike Air Zoom Terra Kiger 7. Esce in questi giorni l’aggiornamento del modello col baffo più amato da sterrato, con schiuma react e pod Air Zoom.

Andrea Toso

09 Marzo 2021

0

Ecco le Nike Air Zoom Terra Kiger 7, la scarpa da trail della casa di Portlan Oregon, un’ottima occasione farsi una corsa in bosco e sentire come risponde.

Parto con la descrizione della Nike Air Zoom Terra Kiger 7: nell’unboxing ci si sofferma subito sul colore giallo canarino, swoosh nero pennellato di rosso, intersuola con tonalità giallo tuorlo d’uovo sulla zona del tallone e all’interno, mentre sull’avampiede il colore è azzurro, pantone che sale anche a creare il puntale paracolpi gommato per le dita dei piedi. Il rosso dello swoosh viene riutilizzato per l’asola obliqua posta sulla conchiglia del tallone per agevolare la calzata.

nike air zoom terra kiger 7
L’intersuola delle Nike Air Zoom Terra Kiger 7 è in schiuma React proprio come le Nike Pegasus Trail 2, ma si differenzia poi per la presenza nella zona mediale di un cuscinetto Zoom Air, che come nei recenti modelli stradali, Pegasus 37, Vomero 15, fino al doppio presente nelle Air Zoom Tempo Next e Alphanext, ha una funzione propulsiva e non più ammortizzante.

Questo nuovo utilizzo, questo spostamento, come già raccontato è dovuto alla qualità di ammortizzazione della schiuma React, perdendo la necessità di usare i pad Air o Air Zoom in protezione.
La posizione del pod Air Zoom nel mesopiede come detto lo rende propulsivo e non protettivo, sebbene il drop 4 mm renda la Nike Air Zoom Terra Kiger 7 adatta per runners avanzati, che utilizzino il tallone solo in discesa.

nike air zoom terra kiger 7

E la sensazione di una scarpa tecnica si avverte appena calzata: la tomaia allacciata avvolge il piede in maniera sicura, i lacci scivolano veloci nelle asole a fissare la linguetta leggermente imbottita a proteggere il collo del piede quando dovesse gonfiarsi il piede. La linguetta diventa una calza che, doppiata dal trimesh giallo canarino, crea la struttura anteriore della scarpa, leggerissima e con ottima traspirazione. Il collare sulla conchiglia del tallone avvolge in maniera morbida il piede e nello stesso tempo alleggerisce la struttura rispetto ad imbottiture tradizionali.

Come tanti modelli di scarpe trail anche la suola delle Nike Air Zoom Terra Kiger 7 hanno alette di trazione differenziate: direzione di trazione sulla parte anteriore, e “di tenuta” sulla parte centrale tallone in cui le alette sono realizzate in gomma antiabrasione DG/RS002. Sul bordo del tallone le alette rimangono in direzione di trazione per aiutare il grip in salita, il drop 4mm permette infatti di spalmare su tutto il piede il lavoro quando la pendenza non sia eccessiva.

nike air zoom terra kiger 7

Quando ci si corre tutto quel che è descrizione ha poco peso, le sensazioni raccontano meglio una scarpa. L’ambiente che ho scelto per il test, complice la giornata di bel tempo, ha presentato un fondo vario, tra sterrato, sassi, terra nuda. Le giornate secche delle ultime settimane mi hanno negato il fango, ma ho cercato comunque la tenuta estrema con pendenze importanti, con qualche passo in cui le Nike Air Zoom Terra Kiger 7 tenevano bene caricando il peso, condizione necessaria per qualsiasi attrezzo per lavorare. Le alette di trazione con il nuovo disegno di questo modello, giunto alla 7ma edizione, funzionano molto bene in discesa: il ritmo su sentiero non chiede cautele perché la tenuta è ben equilibrata.

La Nike Air Zoom Terra Kiger 7 è essenziale e performante, molto immediata anche se come da indicazione iniziale il drop 4mm la rende un po’ esclusiva a chi possieda una buona tecnica di corsa, sebbene la schiuma React abbia un grande potere ammortizzante.

nike air zoom terra kiger 7
nike air zoom terra kiger 7

Come da claim delle Nike Air Zoom Terra Kiger 7 “Domina lo sterrato!”, la scarpa c’è, noi mettiamoci le gambe.