Trend e prodotti » Insider » Trend e prodotti » Wilier Triestina: il giusto mix di tradizione ed innovazione all’italiana
Wilier Triestina: il giusto mix di tradizione ed innovazione all’italiana

Wilier Triestina: il giusto mix di tradizione ed innovazione all’italiana

Siamo stati a Rossano Veneto, vicino a Vicenza, terra di ciclismo, terra dove c’è la sede di Wilier Triestina. Abbiamo avuto l’onore di visitare lo stabilimento e ci sono state svelate le novità 2022.

ENDU

20 Dicembre 2021

0

Partiamo dal nome, che molti di voi conosceranno: Wilier sembra un nome estero ma invece è una sigla che significa “Viva l’Italia Libera e Redenta”. Si respira il patriottismo dei primi del ‘900. E anche il suffisso “Triestina” è legato a quando Trieste era ancora martoriata dopo la seconda guerra mondiale.

Wilier ha una storia che pare lunga e gloriosa quanto quella del ciclismo ed è fantastico che un marchio parta dall’acciaio e dalle strade polverose del ciclismo eroico per arrivare ad essere competitiva e all’avanguardia ancora oggi, tra telai in composito e cambi elettronici.

Nel 1945 le Wilier si riconoscono nel gruppo dei professionisti grazie al colore rosso-ramato delle sue biciclette, che diverrà in seguito autentico marchio di fabbrica. L’azienda va a gonfie vele e raggiunge nel ’49 e nel ’50 successi al giro delle Fiandre e al Giro d’Italia.

Poi la crisi e la chiusura negli anni ‘50.

Ma viene rilevata dai fratelli Gastaldello di Rossano Veneto che nel 1969 hanno acquistato il marchio Wilier Triestina tornando a fornire cicli a decine di squadre professionistiche e dilettantistiche italiane e straniere. Nell’ultimo decennio, in particolar modo dal 2008 ad oggi – forte dei successi ciclistici internazionali e dei sempre nuovi modelli, Wilier Triestina continua ad incrementare e consolidare la propria presenza sul mercato internazionale, con aumenti percentuali, in termini di fatturato e biciclette prodotte, a doppia cifra.

Fra i campioni che hanno fatto la storia del ciclismo in sella a Wilier Triestina si contano Fiorenzo Magni, Marco Pantani, Damiano Cunego, Alessandro Petacchi, Alessandro Ballan e Michele Scarponi, solo per citarne alcuni.

Oggi le Wilier sono utilizzate dai professionisti di squadre del calibro di Astana – Premier Tech, Total Energies su strada e Wilier 7C Force nel mountain bike.

 Gli ultimi anni sono stati particolarmente ricchi di vittorie per Wilier: Tappe al tour 2020 (Miguel Ángel López e Aleksej Lucenko) e il Giro di Lombardia 2020 con Jakob Fuglsang

 Con numerosi award vinti in materia di design ed innovazione (Eurobike Award 2017 e 2019, Design & Innovation award 2019, nomination al German Design Award 2020) l’azienda si è affermata come punto di riferimento tra i produttori di biciclette di alta ed altissima gamma.

Oggi Wilier produce non solo specialissime da corsa ma anche MTB, gravel e molto altro.

Negli ultimi anni si sono susseguite innovazioni e realizzazioni di biciclette di grande successo come URTA SLR per mountain bike, Filante SLR e Wilier 0 SLR per il segmento strada e Cento10 Hybrid, la bicicletta a pedalata assistita più leggera sul mercato.


Nel video troverai una descrizione tecnica dei seguenti modelli: 

  • Rave SLR
  • Filante
  • Wilier Garda

In collaborazione con: wilierVolkswagen Veicoli CommercialiVolchem integratori energetici