Trend e prodotti » Guida all'acquisto » Trend e prodotti » Nuova Trek Speed Concept
Nuova Trek Speed Concept

Nuova Trek Speed Concept

La nuova Speed Concept di terza generazione è la bici da triathlon più veloce di sempre. Un concetto di velocità che va oltre all’aerodinamica.

ENDU

09 Dicembre 2021

1

La Speed Concept è una bici da triathlon progettata per essere la più veloce della sua classe. Ma non si tratta solo di aerodinamica e carbonio ultraleggero. Si tratta anche di un sistema di idratazione e rifornimento che consente di facilitare e ottimizzare i movimenti, garantendoti così la massima concentrazione mentre pedali.

Sei minuti. Ecco quanto vale, in termini tempo, questa nuova Speed Concept su un percorso Ironman rispetto ai modelli precedenti. Quando corri per un piazzamento, si tratta di un vantaggio enorme. 

Questi risultati non sono stati facili da raggiungere, ci sono voluti anni per affinare il design della bici in un’ottica di perfezione fulminea. Dopo migliaia di iterazioni e di test nella galleria del vento, è stato estratto ogni watt e limato ogni grammo possibile.

Un concetto di velocità che va oltre l’aereodinamica

La fibra di carbonio e i profili aerodinamici dei tubi non sono gli unici fattori che ti renderanno più veloce. La Speed Concept è stata protagonista di uno sforzo concettuale incredibile che ha permesso di sviluppare dei sistemi di idratazione e alimentazione più aerodinamici e intuitivi. A volte si confonde la bici da cronometro con la bici da triathlon: in quest’ultima tutti gli accessori sono stati studiati per avere ciò di cui hai bisogno con il minimo sforzo.

Borraccia BTA (“tra-le-braccia”) migliorata

La nuova borraccia BTA contiene fin a 700ml d’acqua ed è stata pensata per rendere la bici ancora più aerodinamica e per facilitare l’idratazione. La cannuccia incorporata semplifica l’uso e quando serve un rabbocco basta prendere una ricarica al punto di ristoro e spremerla nella borraccia tramite la porta in silicone.

Bento box completamente integrata

Le borsine porta oggetti, non estetiche e non aerodinamiche, sono ormai un lontano ricordo. Bento Box è uno straordinario contenitore ricavato direttamente all’interno del tubo orizzontale che permette di contenere fino a 8 gel. I divisori rimovibili, che sono lavabili in lavastoviglie, consentono di mantenere tutto organizzato mentre la parte superiore a tasca in silicone rigido facilita l’accesso senza sacrificare l’aerodinamica.

Borraccia aero sul tubo obliquo

Oltre alla borraccia BTA troviamo una seconda borraccia sul tubo obliquo, anche’ essa può contenere circa 700ml di liquido. Comodissima da utilizzare, basta spremerne un po’ nella porta in silicone della BTA per ottenere il giusto apporto di carburante. Un altro accessorio studiato per non penalizzare l’aerodinamica.

Portaoggetti invisibile del tubo obliquo

Sotto la borraccia installata sul tubo obliquo è previsto un portaoggetti invisibile che contiene un kit completo per riparare le forature! All’interno possono essere inseriti una cartuccia di CO2, una leva per togliere il copertone e una camera d’aria. È accessibile sotto la borraccia aero per il tubo obliquo.

Una guida più confortevole ed elastica

Quando si pensa ad una bici da triathlon la prima cosa che ci viene in mente non è certo la comodità, di solito sono bici rigide che sul nostro asfalto rendono molto faticoso percorrere lunghe distanze. Trek ha lavorato su questi aspetti e ha messo a punto un sistema che consente di migliorare in modo sostanziale la comodità. La Speed Concept è dotata di un disaccoppiatore IsoSpeed per assorbire le asperità che è il 30% più elastico rispetto alla versione precedente. Poiché i triatleti si siedono normalmente più in prossimità della punta della sella, sono stati fatti molti test per capire il punto migliore dove posizionare IsoSpeed. Il risultato è un nuovo IsoSpeed specifico per il triathlon, con un fulcro molto più avanzato rispetto alle normali bici da strada. E se ti stai chiedendo se una guida più confortevole si traduce in un miglioramento delle prestazioni, la risposta è sì. Nei test su strada effettuati dal Performance Research Lab di Trek abbiamo rilevato che una bici più elastica è meno faticosa per il corpo e aiuta a conservare le energie più a lungo.

Regolare l’assetto perfetto

Queste bici danno tutti i loro vantaggi solo se resta il più a lungo possibile in una posizione aero, è quindi fondamentale che la bici da triathlon sia il più possibile regolabile in modo completo e con semplicità. Ecco perché la nuova Speed Concept offre un’ampia finestra di personalizzazione e tantissime opportunità di regolazione. Potrai personalizzare ogni aspetto del manubrio, delle prolunghe, degli spessori, dei poggiabraccia e molto altro ancora. Inoltre, abbiamo reso più semplice e veloce anche la regolazione.

Pedala con facilità

Quando hai configurato l’assetto perfetto, dover smontare la bici per affrontare un viaggio è un’esperienza drammatica. in Trek hanno lavorato anche su quest’aspetto: è stato reso  incredibilmente semplice rimuovere la barra base e le prolunghe. Le regolazioni saranno conservate perfettamente anche quando rimonterai la tua Speed Concept una volta giunto a destinazione.

Abbastanza veloce per la campionessa del mondo

Ellen van Dijk, atleta del team Trek-Segafredo, ha portato la Speed Concept sul gradino più alto del podio della cronometro d’élite ai Campionati del mondo di ciclismo su strada 2021.


SCOPRI LA SPEED CONCEPT