Lifestyle » Lifestyle » Wellness » La nuova guida di Simone Diamantini: Correre bene e veloce senza infortuni
La nuova guida di Simone Diamantini: Correre bene e veloce senza infortuni

La nuova guida di Simone Diamantini: Correre bene e veloce senza infortuni

Un metodo “dall’applicazione immediata” su come iniziare o come continuare a correre, dimagrendo rapidamente, migliorando la propria vita.

ENDU

08 Aprile 2022

1

Queste pagine sono una guida, un metodo “dall’applicazione immediata” su come iniziare o come continuare a correre, dimagrendo rapidamente, migliorando la propria vita e anche il proprio “giro vita”.

Troverai programmi di allenamento, rivolti a tutte le categorie di runner, dai principianti agli atleti evoluti alla ricerca della migliore performance. Più che un libro o un manuale però è la rivelazione del “metodo giusto” (The Going Long Run) per non farti male e “Vincere”.
Sono molti anni che alleno atleti di diverse discipline sportive e tipologie; dal professionista (medaglia olimpica) a chi inizia (beginner) magari in sovrappeso.
Tutti hanno una cosa in comune: entrano nelle statistiche, vuol dire che ricorrono, chi prima e chi poi, ad un supporto fisioterapico o medico. Se questo è dovuto in parte alla tipologia caratteriale di atleta degli sport di “endurance”, cioè molto motivato, dall’altro lato spesso è dovuto anche ad errori che si commettono da ambo le parti: atleta & coach.

Proprio partendo da questa logica, ho analizzato molti libri, varie esperienze di molti e affermati coach e tutta la mia storia di allenatore per cercare il filo conduttore che legasse sia gli aspetti virtuosi che quelli negativi.
Spesso il runner vede i dolori come aspetti ragionevoli della sua attività sportiva. Il modello medicale classico non è strutturato per trattare i dolori da sovrautilizzo ma solo quelli di tipo traumatico.

La pratica degli sport di endurance comporta migliaia di “microtraumi” per il nostro corpo. Quando, quindi, si evidenzia un problema fisico, non è né di facile analisi né comprensione e può essere avvenuto molto lontano nel tempo. Spesso inoltre ci preoccupa del problema e non la causa. Si tratta cioè il “dolore” e non da dove viene. Che fare allora?

Come diceva Leonardo Da Vinci: “la semplicità è la suprema sofisticazione”.

Non è necessario pensare a cose straordinarie, ma fare le cose giuste continuamente e giornalmente, senza fretta. Questo manuale è proprio la raccolta delle cose giuste da fare per migliorare senza farsi male.

Sembra strano ma non ci sono ricette segrete, programmi di allenamento speciali o terapie fantasmagoriche. Ci sono delle semplici regole ma importanti, a cui attenersi, ed eseguirle tutte i giorni. Ogni volta che ho disatteso nel mio programma una di queste semplici regole ho notato un peggioramento della condizione fisica e della salute del mio atleta.


LE REGOLE CHE TROVERAI NEL MANUALE SONO IN SINTESI QUESTE:

  1. Se si ha male, non si fa attività fisica, non c’è miglioramento con il dolore
  2. Usare il Foam Roller tutti i giorni (sia prima che dopo allenamento)
  3. Dopo il Foam Roller, e non prima, fare mobilità fisica
  4. Mantenere o raggiungere un peso forma adeguato al proprio livello
  5. Eseguire come routine un programma di forza (carico naturale) con continuità da 1 a 3 volte a settimana
  6. Controllare la cadenza di corsa sopra i 175 psm
  7. Eseguire un solo allenamento di qualità a settimana
  8. Interval training piuttosto che tante sedute lunghe e lente
  9. Evitare grossi aumenti di volume di allenamento in breve tempo

Sono cose scontate è vero. Ma chi ha sempre seguito queste regole? Spesso si seguono alcune di queste e mai tutte con continuità e perseveranza.


SEI INTERESSATO AL LIBRO? CLICCA QUI