Trend e prodotti » E-Bike le domande più frequenti: il motore
E-Bike le domande più frequenti: il motore

E-Bike le domande più frequenti: il motore

La gestione dell’e-bike, la manutenzione, la messa a punto e la tecnica di guida, vanno oltre a tutto quello che abbiamo imparato con e sulle mountain bike tradizionali.

Cristiano Guarco

22 Luglio 2021

4

E-Bike: le domande più frequenti

Il mondo delle e-bike è ampio e variegato, come vi abbiamo spiegato nelle nostre prime due guide introduttive rispettivamente dedicate alla tipologia di bici e ai diversi motori disponibili sul mercato. La gestione del mezzo, dalla manutenzione alla messa a punto passando per la tecnica di guida, va oltre a tutto quello che abbiamo imparato con e sulle mountain bike tradizionali. Veniamo in vostro aiuto con questa lista di risposte alle domande più comuni, raggruppate per aree di interesse.

 

GIANT REIGN E+ PRO

 

Le problematiche del motore

Come si fa a modificare la e-bike per andare più veloce?

Questa domanda, molto comune soprattutto per chi è alle prime armi, è in realtà a trabocchetto. Perché? Semplice, la risposta è che non si dovrebbe elaborare l’e-bike, per quanto la tentazione sia palese. Le ragioni sono tre.

  1. È illegale, e le sanzioni per chiunque sia sorpreso a guidare una e-bike elaborata sono importanti. Inoltre, se fate un incidente che coinvolge qualcun altro, siete perseguibili per legge.
  2. Decade la garanzia.
  3. Aumenta l’usura precoce di tutti i materiali “consumabili” della vostra bici, incluso il motore, portando a costi di sostituzione/riparazione importanti in caso di rottura non coperta dalla garanzia.

In tutta sincerità, per la maggior parte delle pedalate che si fanno, una soglia di assistenza a 25 km/h è più che sufficiente.

 

Perché l’assistenza continua quando si smette di pedalare?

Alcuni motori, in particolare Brose e Bosch (questo in modalità eMTB), continuano a dare assistenza per un breve periodo quando si smette di pedalare. Di solito questo è più evidente con il supporto massimo e può essere utile per affrontare salite tecniche, con scalini di roccia o letti di radici, in cui è necessario interrompere la pedalata tenendo le pedivelle parallele al terreno il tempo necessario per evitare che i pedali colpiscano gli ostacoli del terreno. Secondo le normative UE (Unione Europea) questa forma di assistenza non può durare più di due metri, anche se nel mondo reale l’esperienza è diversa (con una spinta superiore).

 

Perché il motore è rumoroso?

Non c’è dubbio che le e-bike siano più rumorose delle equivalenti bici non assistite. D’altronde sono presenti parti in movimento che altrimenti mancano. Alcuni motori sono più rumorosi di altri (Brose è tra quelli più silenziosi, se non il più silenzioso), molto dipende dalla velocità a cui gira il motore, se funziona su cinghie o su ingranaggi, e dal peso e dalle dimensioni dell’unità.

 

Cosa succede se il motore smette di funzionare?

Finché è in garanzia, e non avete modificato accordato il motore, dovrebbe essere solo sufficiente contattare il produttore della bici per una sostituzione (tramite il negoziante). La maggior parte dei motori sono semplicemente cambiati invece che riparati o rinnovati. Ad esempio, le cinghie dei motori Brose possono essere sostituite, altri produttori invece puntano a ricondizionare il motore con elementi aggiornati. In genere i motori difettosi sono prima analizzati e poi riciclati.

 

Cosa succede se i cuscinetti si consumano?

Anche questi elementi non sono sostituibili dall’utente finale o dal negoziante per la maggior parte dei motori, quindi un cuscinetto del movimento centrale logorato significa un nuovo motore. Per evitare qualsiasi problema, la chiave per prolungare la vita dei cuscinetti è di seguire scrupolosamente i consigli sulla pulizia della e-bike. Quindi niente lavaggi con l’idropulitrice e nessun detergente/sgrassante ad azione forte.


E-Bike in copertina: Giant Reign E+ Pro