Preparazione » Preparazione » Sport Kitchen » Sport Kitchen: tra 3 ore mi alleno, cosa mangio?
Sport Kitchen: tra 3 ore mi alleno, cosa mangio?

Sport Kitchen: tra 3 ore mi alleno, cosa mangio?

Lo smart working conseguente alla pandemia ci permette di programmare allenamenti sfruttando un pasto bilanciato di tutti i macronutrienti: carboidrati, proteine e grassi

Andrea Toso

02 Febbraio 2021

0

In questo periodo lavorativo complicato, in questo anno vissuto tra lockdown e limitazioni, una delle cose buone che si possono riscoprire è la possibilità di organizzarsi a livello alimentare per ottenere il massimo dal proprio allenamento.

Lo smart working conseguente alla pandemia ci sta facendo rivoluzionare tante abitudini, ma come anticipato potremmo anche ritagliare una cura maggiore dell’alimentazione, avendo a disposizione frigorifero e dispensa ben organizzati, come da consigli di Iader Fabbri.

Pianificando la giornata lavorativa, tra telefonate e conference call, inseriremo a una certa ora il nostro allenamento, vuoi in pausa pranzo, vuoi verso ora di cena, e, per arrivare carichi di energie e senza avere il boccone sullo stomaco, possiamo anticipare un pasto bilanciato, anche fino a 3 ore prima.

Come da filosofia alimentare di Iader Fabbri, il consiglio è di inserire sempre i tre macronutrienti: carboidrati, proteine e grassi, così da avere energia immediata, a lungo rilascio e sostegno per i muscoli. Un paio di soluzioni possono ricadere su pane, fonte di carboidrati, con affettati magri come bresaola o fesa di tacchino, come pure un altro piatto classico può essere pastasciutta per l’energia e del tonno come sostegno proteico, aggiungendo in ambedue i casi una fonte di grassi “buoni” insaturi, come può essere l’olio d’oliva.

Chiaramente il pasto dipende dal tipo e dal volume di allenamento che andremo a compiere. L’importante nella filosofia alimentare di Iader Fabbri è scegliere bene le materie prime già al supermercato quando si va a fare la spesa, non demonizzare i carboidrati ma nemmeno i grassi, usando il suo” trucco” per abbassare l’indice glicemico: abbinare ai carboidrati ad alto indice glicemico una fonte proteica, andando ad abbassare l’indice glicemico del pasto.

Non per niente la scelta personale di Iader Fabbri per un allenamento ricade su un piatto di cereali, per noi mortali leggasi pasta al pomodoro, con bresaola come proteine e olio d’oliva per completare i macronutrienti.

Nelle prossime puntate di Sport Kitchen verrà trattato anche l’argomento “ pasto pre gara”, un vero pensiero dell’amatore per il suo giorno clou.

Mangiare bene è questione soprattutto di organizzazione.


In collaborazione con Volchem