Preparazione » Preparazione » Sport Kitchen » Sport Kitchen: Alimentazione e riposo, strategie utili prima di una gara
Sport Kitchen: Alimentazione e riposo, strategie utili prima di una gara

Sport Kitchen: Alimentazione e riposo, strategie utili prima di una gara

In questa puntata di Sport Kitchen, Iader Fabbri ci racconta come gestire i giorni pre-gara, tra riposo, alimentazione e strategia di gara.

Andrea Toso

08 Giugno 2021

8

In questa puntata di Sport Kitchen, Iader Fabbri ci presenta una strategia da seguire nei giorni pre-gara.
Il primo consiglio di Iader nella strategia pre-gara è aumentare le ore di sonno e riposo: da amatori sappiamo bene quanto sia difficile e stressante incastrare gli impegni lavorativi e familiari con la routine ideale di allenamento. La creazione di giorni di riposo totale pre-gara ci donerà già un grande risparmio di energia fisica quanto mentale.

L’unione di riposo e sonno ad una buona, e mirata, routine alimentare ci avvicinerà alla migliore performance possibile.
Partire con i serbatoi di energia pieni è chiaramente l’obiettivo principale.
Quello dei grassi è ampiamente sufficiente nel più magro degli atleti, nonché il più difficile da svuotare come ben sappiamo. Quello del glicogeno muscolare ed epatico va organizzato.
Nella settimana pre-gara non è necessario fare uno scarico di carboidrati come era consuetudine negli anni 80/90, dato che alleggerendo l’allenamento a pari alimentazione ricaricheremo naturalmente il serbatoio di glicogeno. La sera prima della gara si può andare a lavorare sulla carica definitiva con alimenti come pasta, patate o riso, bilanciando il pasto, come sempre consiglia, con una fonte proteica e di grassi nobili.

L’ultimo consiglio per completare la strategia pre-gara è sulla nutrizione durante la competizione: abbiamo testato tutti gli integratori che assumeremo? Abbiamo deciso quando prenderli? Abbiamo studiato il percorso per capire in base all’altimetria cosa e quando assumerli?
Il giorno della gara meglio non improvvisare niente. I dettagli faranno la differenza.
Altimetria e caratteristiche del percorso e sono fondamentali da conoscere per non trovarsi spiazzati nel timing di nutrizione che ci eravamo prefissati: se in base al tempo di percorrenza presunto quel rifornimento cadesse in salita o discesa durante un percorso ciclistico, in un tratto con molte curve, ad un kmtraggio lontanissimo da rifornimenti in una maratona, meglio ridisegnare la strategia.
Conoscere il tempo di percorrenza presunto in base alle caratteristiche ci aiuterà a decidere quante kcal/ora assumere, e suddividerle in gel o barrette durante la performance. La quantità ideale è tra i 60 e 70 gr di carboidrati ogni ora

Riposare, caricare il serbatoio di glicogeno, studiare percorso e tempi di integrazione con prodotti che conosciamo, questi i consigli di Iader Fabbri per arrivare al giorno della gara sereni e pronti per divertirsi.

 


in collaborazione con Volchem