Lifestyle » Programmare un cicloviaggio per la primavera
Programmare un cicloviaggio per la primavera

Programmare un cicloviaggio per la primavera

La primavera è forse uno dei momenti migliori dell’anno per viaggiare in bicicletta: ecco qualche consiglio su come viverlo nel migliore dei modi.

Pietro Frazese

12 Gennaio 2022

0

La primavera è forse uno dei momenti migliori dell’anno per viaggiare in bicicletta: le temperature sono abbastanza miti, i turisti in giro sono pochi e le giornate sono lunghe. Tutte condizioni ideali per fare cicloturismo… ma occorre sempre fare attenzione ed essere preparati a tutto! In questo articolo vi daremo qualche consiglio su come organizzare un viaggio in bicicletta in primavera.

La scelta dell’equipaggiamento in base al meteo

 

Come insegna il fondatore dello scoutismo Robert Baden-Powell “Non esiste buono e cattivo tempo, ma solo buono e cattivo e cattivo equipaggiamento “. Ogni viaggio in bicicletta è diverso e occorre valutare bene che cosa portare prima di partire per non avere problemi una volta sui pedali.

Prima di partire attenzione quindi ad informarvi sulle temperature che andrete ad affrontare e su eventuali previsioni metereologiche. Saranno infatti queste due le incognite principali che determineranno l’equipaggiamento che dovrete portare con voi. Studiate bene le condizioni che andrete ad affrontare così da evitare di portare equipaggiamento in più e quindi non avere con voi attrezzatura che alla fine occuperebbe spazio inutilmente.

IL CONSIGLIO: Scegliere l’equipaggiamento giusto per un viaggio in bicicletta in primavera non è semplicissimo visto che il tempo può essere molto variabile quindi portate con voi abbigliamento che possa essere utilizzato in qualsiasi condizione. I prodotti in lana merino sono ottimi da questo punto di vista perché garantiscono un ottimo isolamento termico, ma al tempo stesso anche traspirabilità. Non può mancare poi una giacca impermeabile ma al tempo stesso anche in grado di ripararvi dal freddo. Ultimo trucchetto è quello dei gambali e dei manicotti da ciclismo, che possono essere indossati o rimossi velocemente ma che sono in grado se indossati di proteggervi molto bene dal freddo.

L’importanza della pianificazione

 

Che tipo di viaggio in bicicletta volete fare? Cercate una vacanza rilassante sui pedali oppure volete fare tanti chilometri in sella? Prima di partire è importante stabilire che tipo di viaggio fare. La pianificazione del percorso, sia salvando i file GPX delle tappe che farete (nel caso di un viaggio dove le tappe sono già decise) sia studiando a grandi linee i chilometri e il dislivello da affrontare (ad esempio in un viaggio senza tappe prestabilite) è fondamentale.

Pianificare vuol dire informarsi sul percorso che andrete a fare, permettendovi di sapere prima di partire il tipo di viaggio che andrete a fare. Non è obbligatorio stabilire le tappe che andrete a fare prima di partire, ma almeno avere un’idea di massima sui chilometri e il dislivello da affrontare è a mio parere importante. Sapere queste informazioni vi permette di scegliere meglio la vostra attrezzatura e come settare la vostra bicicletta prima di partire.

IL CONSIGLIO: Esistono diverse applicazioni che permettono di pianificare i vostri percorsi in bicicletta, anche di più giorni. Vi consiglio di utilizzare Komoot, un’applicazione che è perfetta per creare itinerari e modificarli in modo pratico e veloce. In caso di brusco cambiamento del tempo o di impossibilità di raggiungere un punto prefissato trovo che la possibilità di modifica del percorso sia una caratteristica importantissima.

L’applicazione (disponibile anche in Italiano) permette anche di creare percorsi ed esportarli in formato GPX, per importarli su altri dispositivi di navigazione. La trovo molto comoda anche per la navigazione, con tante informazioni in tempo reale come distanza percorsa, velocità media e dislivello consultabili su una interfaccia semplice e intuitiva.

Bicicletta perfetta prima di partire (e durante il viaggio)

 

Un viaggio in bicicletta può essere impegnativo per il vostro mezzo, qualunque sia quello che sceglierete. Dovrà affrontare tanti chilometri ogni giorno, eventualmente avere a che fare con condizioni meteo instabili, fango e sporcizia… insomma, non sarà una passeggiata per la vostra bicicletta! In caso di uso su percorsi fangosi attenzione a fine giornata a pulirla per bene, in modo da evitare incrostazioni su parti meccaniche importanti come guarnitura, cambio e freni.

Attenzione anche a lasciare all’aria aperta la bicicletta durante le “fresche” nottate primaverili. Potreste infatti rischiare di ritrovarvela bagnata il giorno successivo, rischiando di rovinare i componenti della bicicletta. Ricordatevi quindi di trovarle un riparo asciutto oppure di proteggerla il più possibile.

Una bicicletta in condizioni perfette alla fine di ogni giornata vi aiuterà sicuramente ad affrontare un viaggio nel migliore dei modi.

IL CONSIGLIO: Oltre a recarvi per tempo dal vostro ciclo meccanico di fiducia, portatevi con voi pochi ma semplici strumenti per la manutenzione straordinaria. Multi tool con tutti gli attrezzi necessari, lubrificante per catena, mezza maglia di riserva, toppe per riparare la camera d’aria… insomma dovrete avere con voi tutto l’occorrente in caso di qualsiasi guasto o rottura. Se prima di partire però farete fare un check up completo in officina, il rischio sarà sicuramente più basso!


Questi erano i nostri consigli prima di partire per un viaggio in bicicletta in primavera! Fateci sapere nei commenti se avete in programma dei viaggi in bicicletta durante la prossima primavera e continuate a seguirci per altri articoli a tema cicloturismo.


Buone pedalate,

Pietro Franzese