Preparazione » Alimentazione » Preparazione » Preparazione » Sport Kitchen » Dimagrire senza perdere efficienza prestativa
Dimagrire senza perdere efficienza prestativa

Dimagrire senza perdere efficienza prestativa

Perdere peso senza perdere muscoli e prestazioni. Questo è possibile, ma con i giusti accorgimenti. Scopri i consigli di Elena Casiraghi!

Redazione ENDU

07 Marzo 2022

4

Gran parte di noi si è trovata nella situazione di voler dimagrire. Il primo gesto in questo caso è quello di tagliare. Di tagliare calorie, ovvero energia per il nostro organismo. La credenza comune infatti ci porta a pensare che se diamo meno nutrimento al nostro corpo potremo dimagrire.

Il risultato? Il risultato è che perderemo forse sì peso ma non dimagriremo. Così facendo infatti ridurremo la sola massa magra come acqua, glicogeno, muscoli ma non il grasso (se non in minima parte). 

Ci sentiremo così stanchi, nervosi, affamati. E anche un pò frustrati perché con ogni probabilità tenderemo quanto prima a guadagnare il peso perso.

Come è necessario comportarsi quindi per dimagrire mantenendo tono e vigore/efficienza fisica e mentale e ridurre principalmente il grasso in eccesso accumulato nel corpo?

Ridurre la quantità di calorie non basta ma soprattutto non è la soluzione. Il segreto è quello di saper abbinare gli alimenti ogni volta che mangiamo così da nutrire i muscoli, stimolare sia la sazietà immediata nel pasto che nelle ore che seguono. 

 

 

 

Il primo passo deve essere quello mentale abbandonate le vostre restrizione non pensate ad una dieta, pensate ad una strategia alimentare, un’alleata verso il benessere e il dimagrimento.

Ogni volta che ci accingiamo a preparare un pranzo o una cena dobbiamo partire possibilmente dalle verdure e poi continuare la nostra alimentazione scegliendo un alimento magro, fonte di proteine, ad esempio l’albume dell’uovo, il pollo oppure il tacchino e poi il pesce ovviamente.

Anche il nostro cervello ha bisogno di energia, è quindi necessario completare questo piatto con dei grassi buoni, come ad esempio olio extra vergine d’oliva o acidi grassi Omega3.

Abbiamo così suddiviso il nostro piatto in tre parti:

  • 1/3 del piatto in verdura
  • 1/3 con alimenti magri fonte di proteine
  • 1/3 con alimenti fonti di carboidrati

Giornata stressante? Un pezzo di cioccolato fondente (oltre al 75%) può essere un valido aiuto!


Guarda anche:

L’uso delle braccia nella corsa


In collaborazione con Volkswagen veicoli commerciali