Eventi » Comunicati stampa » Eventi » Across Me e il Mare Adriatico
Across Me e il Mare Adriatico

Across Me e il Mare Adriatico

140 Km a nuoto da percorrere con la sola forza del corpo e della mente, per esplorare nuovi orizzonti e sensibilizzare l’opinione pubblica sulla pulizia del mare.

ENDU

22 Luglio 2021

0

Tutto pronto per la partenza di ACROSS ME.

domenica 25 luglio Andrea Pelo di Giorgio partirà da Cervia per raggiungere Pola, da dove inizierà il viaggio a nuoto per tornare nella città natale. 140 Km da percorrere con la sola forza del corpo e della mente, per esplorare nuovi orizzonti e sensibilizzare l’opinione pubblica sulla pulizia del mare.

Mancano pochissimi giorni alla data fissata per la grande impresa: domenica 25 luglio, alle 10 del mattino, Andrea “Pelo” di Giorgio partirà infatti dalla Piazza Garibaldi di Cervia, sua cittadina natale, per raggiungere Pola con il suo Van Volkswagen. Dalla rinomata località turistica croata, unita a Cervia dalla famosa gara di sci nautico protagonista delle estati a cavallo tra gli anni ‘60 e ’70; Pelo partirà per un viaggio a nuoto che lo porterà a coprire ben 140 km con la sola forza del corpo e della mente.  Una grande impresa sportiva certo, ma soprattutto un viaggio interiore, per esplorare nuovi orizzonti e sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema della pulizia del mare.Arrivo previsto nella giornata del 30 luglio, presso lo Stabilimento Balneare CerviAmare, di Cervia, location in cui si è tenuta anche la conferenza stampa di lancio.

 

“Difficile stabilire a priori un obiettivo temporale, ho fatto solo supposizioni. Il mio vero scopo è vivere l’ignoto, così come mi si presenterà una volta in mare” – ha raccontato Andrea Pelo di Giorgio. “Mi sento bene, sono pronto a partire. Gli ultimi tre mesi sono stati molto particolari. Se dovessi trovare una parola per descriverli sarebbe “dentro”. C’è stato tanto allenamento certo, ma soprattutto un percorso interiore per amplificare la connessione con l’ambiente marino, conoscerlo in ogni differente espressione del suo essere, chiedergli il permesso di abitarlo assicurandogli il massimo rispetto e soprattutto per sentirmi veramente pronto a vivere quest’emozione unica”

A documentare la traversata a nuoto più lunga mai compiuta nel Mare Adriatico sarà la società di eventi e produzioni video FREE EVENT, che racconterà i momenti più importanti dell’impresa e della sua preparazione nel docu-film ACROSS ME, con la regia di Mattia Alberani e la colonna sonora di Antonio Gramentieri, in arte Don Antonio. Produttore, giornalista, autore di musiche per il cinema, tv e la pubblicità, ha suonato nei principali festival e club fra Stati Uniti, Inghilterra, Australia, Europa, Scandinavia e Balcani. Si è esibito al Tiny Desk di NPR, alla BBC1 a Londra, alla CBS a New York, alla radio e televisione nazionale svedese, australiana, olandese.

“Un giovane regista ed un compositore di grande esperienza, entrambi romagnoli DOC: una strategia per valorizzare al massimo le eccellenze della nostra terra” spiega Andrea Camporesi, CEO di FREE EVENT e produttore del film. “ll documentario sarà un continuo mix d’emozioni e d’atmosfere che sveleranno il vero Andrea Pelo di Giorgio, raccontando prima di tutto l’uomo dai grandi valori sociali e poi l’atleta che si lancia in una grande impresa sportiva, certamente unica nel suo genere”

Alla conferenza stampa hanno partecipato alcuni tra i numerosi partner del progetto, che hanno raccontato le ragioni che li hanno spinti ad affiancare Pelo nella realizzazione di questa grande impresa sportiva.

 

 

“L’impresa di Andrea Pelo di Giorgio incarna spirito di avventura e libertà, proprio come il nostro Volkswagen Caravelle, icona nella categoria dei van insieme a Multivan e California” afferma Daniele Toniolo, Responsabile Marketing di Volkswagen Veicoli Commerciali, che a Pelo ha fornito il Van per gli allenamenti e il viaggio verso Pola. “Un veicolo di culto da generazioni con il DNA originale del Bulli. Tecnologia, comfort di marcia di un’autovettura, versatilità dell’abitacolo e tanto spazio, tutto al servizio di un unico scopo: la libertà. È questo il valore fondamentale dello spirito VanLife. Questo particolare allestimento poi offre tutto ciò che è indispensabile per uno stile di vita en plain air senza compromessi, come lo intendono i puristi dell’avventura. Limiti ed ostacoli passano in secondo piano, l’unica cosa che conta è la libertà.”

“Abbiamo trovato interessante sin da subito l’impresa di Andrea” – commenta Alberto Villata di Garmin, che a Pelo ha fornito il Garmin Enduro, smartwatch per gli atleti di resistenza estrema – “Da sempre Garmin sostiene imprese che vadano al di la del risultato sportivo. L’ultra endurance sposa in pieno questa filosofia, così come anche l’aspetto benefico dell’iniziativa. Superare i propri limiti, darsi obiettivi da superare sono elementi fondanti del DNA della nostra azienda, per questo motivo siamo orgogliosi di supportare ACROSS ME”

Anche Luca Conti di ENDU parla di impresa che trascende il risultato: “Endu Channel racconta il mondo dell’endurance, un concetto che lascia spazio a mille interpretazioni, anche quelle più estreme dove il viaggio conta molto più del risultato. ACROSS ME è l’essenza di tutto ciò, per questo Endu Channel ha deciso di affiancare Pelo nel racconto del suo viaggio attraverso l’Adriatico e attraverso se stesso”.

Fondamentale, all’interno del progetto ACROSS ME, è l’attenzione all’ambiente: attraverso questa impresa, infatti, Andrea Pelo di Giorgio punta sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema della pulizia marina, promuovendo una raccolta fondi destinata al progetto Clean Waves di Sea Shepherd Global, che si occupa di ripulire le spiagge dai rifiuti plastici portati dal mare assieme ad organizzazioni locali, il 50 % dei quali deriva dalle attività dell’uomo in mare. Fondata nel 1977 dal Capitano Paul Watson, Sea Shepherd è la più attiva Organizzazione per la tutela degli Oceani e della fauna marina. La flotta di Sea Shepherd è composta da dodici navi con a bordo equipaggi di volontari provenienti da tutto il mondo, disposti a rischiare la propria vita per la causa. Sea Shepherd non protesta, ma agisce utilizzando tattiche di azione diretta per investigare, documentare e impedire le attività illegali ai danni degli Oceani.Tra le numerose campagne portate avanti in 40 anni di storia vale la pena ricordare quelle in Canada contro il massacro delle foche, alle isole Faroer, protettorato danese, contro la mattanza di globicefali e altri delfini, e in Mediterraneo contro la pesca illegale. In Italia Sea Shepherd collabora attivamente con le forze dell’ordine portando avanti tre campagne: Operazione Siracusa, Operazione Jairo Mediterraneo e Operazione Siso.


Per contribuire alla raccolta fondi dedicata CLICCA QUI