Trend e prodotti » Lana merino nello sport: scopriamo i vantaggi
Lana merino nello sport: scopriamo i vantaggi

Lana merino nello sport: scopriamo i vantaggi

Avete mai utilizzato un capo in lana merino per fare sport? Sapete quali sono i vantaggi? Partiamo dalle origini per capirne i plus.

Filippo Tommasini

08 Gennaio 2021

0

La lana merino, tipologia estremamente pregiata e ricercata, è una fibra ricavata da pecore merinos, una razza di origini spagnole particolarmente apprezzata per il suo manto notevole e di alta qualità.

Attualmente riconosciuta come spagnola, la razza merino ha origini piuttosto incerte, pare infatti che fosse già conosciuta in epoca antica nei paesi mediorientali, l’arrivo invece nella Penisola Iberica avvenne durante il medioevo, attraverso il passaggio per il Marocco.

La lana merino si distingue perché più sottile, morbida e confortevole a contatto con la pelle, ma anche perché è costituita da fibre molto arricciate (quindi trattiene meglio il calore, proteggendo sia dal freddo che dal caldo intenso).

Tutte queste qualità hanno contribuito a rendere la lana merino particolarmente nota al grande pubblico, che la identifica come il prodotto di maggiore qualità presente sul mercato.


lana merino

La lana merino viene utilizzata da diversi brand di abbigliamento sportivo per produrre capi di alta qualità.

I capi con alte percentuali di lana merino sono mediamente (non sempre) più cari rispetto a quelli in 100% polyestere ma presentano sicuramente diversi vantaggi come: una solidità maggiore, durano più a lungo nel tempo, evitano cattivi odori, asciugano prima, sono più morbidi e più igenici.

traspirabilità: la lana merino è igroscopica, ciò significa che le sue fibre sono in grado di assorbire, meglio di altre, l’umidità atmosferica e di “espellere” quella prodotta dal corpo. Quando avviene l’assorbimento la lana rilascia calore molto lentamente: in questo modo, in caso di attività fisica a basse temperature, contribuisce anche a ridurre il fastidioso “colpo di freddo” dopo l’allenamento.

Termoregolatore: la fibra di lana merino è arricciata, questo consente di “intrappolare” sacche d’aria, isolandoci così dal freddo e mantenendo costante il calore corporeo. Termoregolatore al punto da essere utilizzato anche come tessuto in ambienti caldi, la lana ha un ruolo da isolante e mantiene il calore lontano dal corpo.

Questa caratteristica, ovvero di poter utilizzare questo tessuto per difendersi dal freddo e dal caldo, lo rende particolarmente idoneo ad attività outdoor.

Morbidezza: le fibre della lana merino sono particolarmente corte, questo la rende molto morbida e gradevole al tatto. è consigliata anche per chi ha la pelle particolarmente sensibile in quanto consente di evitare spiacevoli irritazioni.

Igienicità: La lana ha una superficie irregolare, e anche se sembra contraddittorio, i batteri su questo tipo di superficie non compatta hanno vita più difficile rispetto, ad esempio, alle fibre sintetiche lisce. Meno batteri, meno odore. Inoltre le fibre di merino assorbono l’umidità sotto forma di vapore acqueo prima che si condensi come sudore sulla superficie della pelle. Pertanto, c’è meno sudore che può portare a cattivi odori!