Lifestyle » Lifestyle » Wellness » Conosci l’Ashwagandha? alleata per Vo2max, cortisolo, dolori articolari…
Conosci l’Ashwagandha? alleata per Vo2max, cortisolo, dolori articolari…

Conosci l’Ashwagandha? alleata per Vo2max, cortisolo, dolori articolari…

L’Ashwagandha è una radice che vanta diverse proprietà adattogene, analgesiche ed antinfiammatorie, ce ne parla Veronica Signorini

Veronica Signorini

22 Aprile 2021

0

Conosci l’Ashwagandha?

Non preoccuparti non si tratta di uno sciogli lingua, ma molto più semplicemente l’Ashwagandha è una radice, nota anche come Withania o Ginseng indiano, che vanta importati proprietà adattogene, analgesiche ed antinfiammatorie.

Per questo motivo è molto utile in caso di aumentato stress: aiuta infatti a rispondere in maniera più efficace agli stress esterni, andando a sostenere il nostro sistema nervoso.

In uno studio effettuato su 64 uomini affetti da stress cronico, una supplementazione di 300mg di Ashwagandha 2 volte al giorno per 60 giorni, ha dimostrato di ridurre del 28% i livelli di cortisolo (l’ormone dello stress).

Ma se il tuo obiettivo fosse quello di migliorare la performance, e diventare campione dell’universo su Strava (finché le gare dal vivo saranno ancora centellinate), in diversi studi è stato dimostrato che presa regolarmente aiuta ad aumentare naturalmente la produzione di ossido nitrico, che si traduce in un aumento del VO2Max.

L’altra notizia interessante è che se ogni volta che finisci l’allenamento cigoli più di un vecchio cancello, l’assunzione di Ashwagandha sembrerebbe migliorare anche il dolore, la funzionalità, la rigidità ed il gonfiore delle articolazioni, in particolare di quella del ginocchio, tanto cara a noi triathleti.

Ashwagandha

L’assunzione di Ashwagandha inoltre negli uomini, aiuta anche la produzione di testosterone, mentre può essere un valido aiuto per chi accusa problemi alla tiroide. Infine aiuta a tenere sotto controllo il livello di zuccheri nel sangue, aumentando la sensibilità delle cellule muscolari all’insulina.

Come utilizzare l’Ashwagandha?

Se non sei amante delle pillole, potresti per esempio prepararti una bevanda energetica a base di Ashwaganda, ma ti avviso già che la radice ha un sapore tendente all’amaro, che non è gradito a tutti.

Altrimenti le dosi giornaliere consigliate sono tra i 600 e i 1000mg da assumere 2 volte al giorno.

Dimenticavo di dirti, che il nome Ashwagandha letteralmente significa “odore di cavallo”, in riferimento al suo odore caratteristico, ma anche grazie alla sua capacità di far aumentare la forza in chi la assume.

La natura ci fornisce tanti rimedi naturali, prima di doverci rivolgere al medico ed alle farmacie, ma dobbiamo anche ascoltare il nostro fisico e capire quando sia il momento di riposare.