Preparazione » Preparazione » School of Trail Running » Le 5 differenze tra podismo e trail running
Le 5 differenze tra podismo e trail running

Le 5 differenze tra podismo e trail running

Corsa e trail running: due discipline apparentemente simili, in realtà le differenze sono molte. Lo scopriremo in una location fantastica: la Val di Fiemme.

Redazione ENDU

10 Gennaio 2022

0

In compagnia di Jonathan Craig Wyatt, uno dei massimi esperti di trail running mondiali, abbiamo scoperto quali sono le principali differenze tra la corsa su strada e il trail running. 

Le differenze tra la corsa su strada e il trail running sono sostanzialmente 5: 

  • La tecnica
  • il ritmo
  • i materiali da utilizzare
  • il chilometraggio che dovrà essere minore
  • il diverso uso della potenza della corsa.

 

 

I 4 PARADISI DELLA VAL DI FIEMME

Aria pulita, paradisi incontaminati lontani dal traffico. Nei piani alti della Val di Fiemme la creatività vola libera e spalanca lo sguardo. Intorno alle quote 1.200 e 2.200 metri incontriamo il parco d’arte ambientale più alto del mondo e tre parchi della fantasia che raccontano la natura attraverso il gioco.

 

Respirart

A Pampeago, a quota 2200 m., c’è il parco d’arte RespirArt. 

Nel giro ad anello di 3 chilometri 27 installazioni d’arte dialogano con le guglie dolomitiche del Latemar. Il parco attrae artisti da tutto il mondo.

A completare le loro opere sono il sole, il vento, la pioggia e la neve. Il parco si raggiunge con la seggiovia Agnello.

 

La Montagnanimata

A Predazzo gli impianti di risalita accompagnano nella MontagnAnimata del Latemar a quota 1.650.

Qui le famiglie esplorano la natura anche attraverso le fiabe, i giocolibri e il gioco interattivo del Difr. Raccontano fiabe e storie di montagna tre fantasiosi sentieri tematici: la Foresta dei Draghi, il Sentiero del Pastore Distratto e Geotrail Dos Capèl.

 

Giro d’Ali

L’estate d’oro di Bellamonte fra specchi d’acqua, uova in pista e voli di fantasia

Il Giro d’Ali, a quota 1.750 m., è un percorso acquatico che si snoda a Bellamonte tra prati, cascatelle, scale di pietra sommerse, ponticelli sospesi, giochi in legno che galleggiano su piccoli specchi d’acqua e curiose zattere che assumono forme di uccelli.

Chi gioca con l’anatra nuotatrice, chi si avventura alla ricerca dell’oro con il setaccio, chi rincorre l’Uovo in pista, chi scopre la vita dei volatili sul sentiero Frainus.

 

Cermislandia

All’Alpe Cermis c’è un prato magico con un piccolo laghetto rinfrescante e una divertente teleferica.

A Cavalese la cabinovia dell’Alpe Cermis conduce nel regno di Cermislandia, un allegro paradiso del divertimento che offre la possibilità di giocare all’aria aperta, conoscere nuovi amici e regnare indisturbati.

A quota 1.280 m., i bambini, attraverso curiose attività giornaliere, stabiliscono un rapporto di totale empatia con la natura, mimetizzandosi con il sottobosco, gli animali, i boscaioli e le creature magiche della leggenda. Quindi, si arrampicano sugli alberi come scoiattoli nel nuovo Parco Avventura Cermis.


In collaborazione con Volkswagen ; Volchem IntegratoriLa Sportiva 


Si ringrazia: Visit Trentino e Visit Val di Fiemme