Preparazione » Allenamento » Preparazione » Tecnica di corsa. Dall’alto verso il basso
Tecnica di corsa. Dall’alto verso il basso

Tecnica di corsa. Dall’alto verso il basso

Tecnica di corsa. Roberto Vanin ci consiglia una via per una corsa ottimale, un metodo naturale ed infallibile per poggiare il piede nella giusta maniera

Roberto Vanin

02 Marzo 2021

21

Sempre più frequentemente si parla dell’importanza che assume la corretta meccanica nell’azione della corsa.

Appoggio di pianta, appoggio di avampiede, ampiezza e frequenza dei passi.

In questi interventi analizzeremo questo tema proponendo un approccio tecnico che non si fonda sulla predeterminazione del tipo di appoggio da adottare, ma sul percorso che i piedi dovranno seguire per giungere in modo naturale ed efficace al suolo.

L’ invito è di concentrarsi sulla fase discendente del passo, percepire cosa succede mentre il piede scende, quasi a forzare questa azione dall’alto verso il basso con discesa della gamba perpendicolare verso il suolo. tecnica di corsa

Non dovremo pensare a come appoggiare il piede.

Se la gamba scende perpendicolarmente, il piede non potrà che atterrare prima sulla parte anteriore.

Questo tipo di appoggio è il più corretto, efficace e reattivo in quanto consente di sfruttare al meglio le proprietà elastiche della muscolatura di gamba e piede con inevitabile accorciamento dei tempi di contatto al suolo. Evitando azioni pendolari (da dietro ad avanti) che portano ad appoggiare per primo il tallone, inoltre, diminuisce il rischio di infortuni muscolo-tendinei, in particolare a carico della catena muscolare posteriore dell’arto inferiore e della schiena.

Gli arti inferiori assumeranno, nel tempo, un’azione più circolare, meno pendolare, ma non conseguentemente al recupero volontario del piede quanto, piuttosto, ad un rimbalzo dello stesso dovuto all’azione elastica della muscolatura del settore gamba-piede come reazione alla discesa al suolo.

Il primo momento in cui potremo concentrarci in tal senso, inserendo per brevi tratti questo tipo di corsa per evitare risentimenti muscolari, sarà durante il momento di riscaldamento o un lento (vedi video 1 – Corsa lenta con azione circolare).

Inizieremo a pensare alla corsa come ad una successione di piccoli rimbalzi e non come ad una serie di spinte, sfruttando ed esercitando, così, le caratteristiche elastiche dei nostri muscoli. tecnica di corsa

tecnica di corsa

Corsa “pendolare” – DA EVITARE.

Il piede, provenendo da dietro e scorrendo vicino al suolo, viene inevitabilmente “calciato” avanti con appoggio di tallone

Corsa “circolare” – DA PREFERIRE.

Discesa perpendicolare al suolo e contatto di avampiede. Il piede, rimbalzando sotto il gluteo e provenendo dall’alto, atterra con la metà anteriore

Questa tipo di azione, naturale in alcuni atleti, necessiterà di essere “sostenuta” muscolarmente e non sarà sufficiente esercitarla. Al tal fine assumerà un’importanza fondamentale inserire nelle nostre sedute di preparazione alcuni esercizi di potenziamento.

Partendo dal concetto che il vero motore dell’azione di corsa è il polpaccio (gastrocnemio e soleo), dovremo adeguatamente potenziarlo insieme ai muscoli propri del piede. Il pensare alle cosce come settore muscolare preminente da rafforzare ci indirizzerebbe verso una corsa “seduta” e trascinata, non alta ed efficace.

I primi semplici esercizi che propongo sono le spinte bipodaliche sugli avampiedi. In piedi con le mani in appoggio ad una parete, gambe tese e glutei ben contratti, effettuiamo una serie di molleggi ampi ed elastici a piedi pari. Non esageriamo con le ripetizioni durante le prime sedute perché potrebbero insorgere dolori o crampi. E’ preferibile interrompere l’esercizio ai primi sintomi di affaticamento e ripeterlo, piuttosto, per 1-2 serie dopo adeguato recupero. Con il tempo potremo aumentare il numero delle ripetizioni anche oltrepassando la soglia del primo affaticamento.
Polpacci forti ed elastici garantiranno efficacia e reattività alla nostra corsa.

Spinte bipodaliche sugli avampiedi

Molleggi bipodalici in stazione eretta in forma ampia e dinamica

11tecnica di corsa

Nel prossimo intervento approfondiremo il tema del potenziamento degli arti inferiori in funzione della corsa e ci addentreremo nel “mondo” degli esercizi tecnici.

 


Roberto Vanin

Diplomato in Educazione fisica presso I.S.E.F. di Padova, personal trainer, preparatore atletico, allenatore specialista in atletica leggera, ginnastica posturale.