Preparazione » Allenamento » Preparazione » Verso il mondiale Spartan Race
Verso il mondiale Spartan Race

Verso il mondiale Spartan Race

Matteo Pelizza, ventitreenne, ci racconta come si sta preparando per il suo primo mondiale Spartan Race.

Matteo Pelizza

18 Giugno 2020

0

Mi chiamo Matteo Pelizza ho 23 anni, sono uno studente di scienze motorie e atleta OCR (Obstacle Course Race).

Questo novembre, se non annulleranno l’evento, dovrò affrontare il mio primo Mondiale Trifecta Spartan Race. Una gara di endurance dove partecipano i migliori atleti del mondo di questa disciplina. 

La gara è fissata per il week-end del 5-8 novembre dove mi aspetterà una corsa su 3 giorni con 3 diverse distanze, rispettivamente 5 km + 20 ostacoli, 10 km + 25 ostacoli e 21 km + 30 ostacoli. La classifica finale verrà stilata sulla somma dei tempi delle tre gare. 

 

ALLENAMENTO

Dopo il lock down si è ripreso il lavoro lontano dalla strada sotto casa che solo nel mese di marzo mi ha visto fare 400km in una strada di 600m. E finalmente il lavoro di corsa in salita è ricominciato a pieno regime e il materiale tecnico La Sportiva è stato di grande aiuto per questa parte di ripresa sul lavoro muscolare. 

Ovviamente la preparazione non è solo corsa, ma anche tanta forza per la parte superiore del corpo che purtroppo durante la quarantena è stato molto ridotto a causa della mancanza di materiale adatto. 

Quest’estate è direi molto particolare, niente gare e nessuna necessità di picchi di prestazione permetteranno di poter riprendere e mantenere alto il carico di lavoro, cosa che in questo periodo dell’anno non è facile né raggiungere né mantenere.

Queste prime 2 settimane di giugno sono state caratterizzate da ripetute brevi in salita, ripetute medie in collina, lunghi collinari e lavori di salita continua con 185 km all’attivo in 15 giorni e circa 10 allenamenti di potenziamento dove ho ristabilito il mio nuovo punto di partenza e ripreso i lavori di forza sub massimali. 

L’estate sarà il periodo più importante in vista dell’appuntamento di novembre. Una volta finita la parte di potenziamento muscolare sarà il momento di spostarsi in pista dove andrò a ricercare nuove velocità per portarle successivamente in gara.

 

ALIMENTAZIONE 

Tutto questo carico estivo però deve essere ben gestito soprattutto con la giusta alimentazione e integrazione. Ad oggi sto ancora eliminando il peso in eccesso accumulato durante la quarantena che ha ridotto drasticamente i miei ritmi giornalieri pur non fermando mai completamente l’allenamento. In questa fase mi aggiro intorno alle 2400 kcall al giorno con solo un po’ di attenzione in più ai pasti pre e post allenamento. L’ integrazione, che per questo percorso è affidata ai prodotti di Volchem, è composta da sali minerali (magnesio,potassio,zinco,vitamine…), aminoacidi essenziali per mantenere un buon tono muscolare e gel pre e durante l’allenamento, fondamentali per il recupero e la stabilità del metabolismo energetico. 

 

PSICOLOGIA

Come ho già detto non si tratta della solita estate piena di gare e questo per la concentrazione sugli allenamenti ha un grosso peso. Ogni mese infatti eseguo dei test sulle distanze da gara, tra i 5 e i 10km che mi permettono di avere un obiettivo a breve termine. Altra cosa che faccio è cercare ancora gare non annullate in giro per l’europa con la speranza di poterle andare a correre. Faccio questo giochino da marzo e per ora ho visto cancellare ogni data che scegliessi da raggiungere, ma per lo meno mi ha aiutato ad avere una motivazione più vicina del lontano Novembre.

Per ora in vista ci sono una gara il 25 luglio (Spartan Race Romania) e una il 2 agosto (corsa su strada 12km e 1000m D+). Ovviamente so già che sarà quasi impossibile correrle, ma nel dubbio di poterlo fare meglio farsi trovare pronti.