Un Cammino di Santiago insolito

Spesso, quando decidiamo di compiere un’impresa, possiamo essere ispirati da storie di altre persone, oppure dai racconti letti su un libro, o sul web. Nel caso di Erika Scafuro galeotto fu un film…

Lorenza Bernardi

Erika Scafuro è sempre stata appassionata di sport, tanto da diventare copywriter di sport acquatici. Ma se volessimo individuare la data spartiacque che segna il suo innamoramento per il trekking e i pellegrinaggi, di sicuro è l’annata 2015, quando Erika vede il film Wild, con Reese Witherspoon, tratto dalla storia (vera) di Cheryl Strayed e del suo cammino sul Pacific Crest Trail.

Da lì la folgorazione e un unico pensiero a ronzarle in testa: quello di partire, mettersi alla prova e vedere se ce l’avrebbe fatta anche lei a portare a termine un cammino (meno lungo e selvaggio, certo, ma sempre in solitudine).
Erika si mette così in viaggio e inizia con gli ultimi 160 km del Cammino di Santiago.
Tutto va meravigliosamente.
Da quel momento in poi il Cammino di Santiago diventa un’ossessione e il sogno di poterlo percorrere tutto quanto.

 

Quest’anno Erica è andata a Finisterre, ma non in direzione Santiago: il percorso che ci racconta oggi è un cammino di 4 giorni che va da Finisterre a Muxía attraversando la Galizia.

IL PERCORSO
120 km totali, all’incirca, fino a Muxía (l’altro km 0 insieme a Capo Fisterra).
La costa sulla quale si affacciano Fisterra (Finisterre) e Muxía si chiama Costa da Morte (parte nord-occidentale del litorale galiziano).

GIORNO 1: Santiago – Negreira. 22 km la prima tappa non presenta grosse difficoltà.
Dopo essere giunti a Santiago da O Cebreiro (cammino da León a O Cebreiro), si parte verso Fisterra (90 km da Santiago).
Tratti distintivi: una natura rigogliosa, con profumatissimi boschi di eucalipti e silenzio.
Il Cammino verso Fisterra- Muxía appare subito meno frequentato rispetto agli ultimi km del cammino francese verso Santiago de Compostela.

GIORNO 2: Negreira – O Logoso (circa 37 km) tappa molto impegnativa perché molto lunga e con diversi saliscendi, ma paesaggisticamente molto bella. Boschi, tantissimi saliscendi, uno dei punti più belli a Mazaricos, la salita che porta al Monte Aro. Tratti distintivi: tantissima luce, il verde delle colline e dei boschi, il fiume Tambre…

GIORNO 3: O Logoso – Fisterra / Cabo Fisterra 30 km si arriva all’Oceano. Un paio di km dopo O Logoso, a Hospital, si trova la biforcazione: da una parte si va a Finisterra, dall’altra a Muxía. Il cammino si conferma impegnativo soprattutto con la ripida discesa che conduce a Cee, la suggestiva località più abitata fra i comuni della Costa da Morte, a circa 15 km da Fisterra.
Da Fisterra ci sono ancora 3 km per Cabo Fisterra, dove c’è il faro ed il cippo del km 0.

GIORNO 4: Fisterra – Muxía 33 km tappa paesaggisticamente meravigliosa. In gran parte si cammina immersi in boschi di eucalipto. A Muxía c’è il Santuario da Virxe Nosa Señora da Barca, dove si trova l’altro cippo km 0 del Cammino di Santiago.


In collaborazione con Volkswagen Multivan Hybrid

condividi

commenti

Bello di sicuro il viaggio, ma raccontato con poca passione e troppo sinteticamente. Peccato

Fabio Pagotto - 2022-12-21 04:31:52

leggi commenti

scelti per te

newsletter

Rimani sempre aggiornato grazie alla nostra newsletter!

vai su

Endu

rispettiamo l'ambiente

Questa schermata consente al tuo schermo di consumare meno energia quando la pagina non è attiva.

Per continuare a navigare ti basterà cliccare su un punto qualsiasi dello schermo o scorrere la pagina.

Clicca qui se invece vuoi puoi disabilitare questa funzionalità per i prossimi 30 giorni. Si riattiverà automaticamente.
Info
Trovata una nuova versione del sito. Tra 5 secondi la pagina sarà ricaricata
Attendere...

Se non vuoi attendere clicca questo link