Trend e prodotti » Guida all'acquisto » Trend e prodotti » Scarpe da Running: guida all’acquisto
Scarpe da Running: guida all’acquisto

Scarpe da Running: guida all’acquisto

Una piccola guida all’acquisto: cosa guardare e a cosa prestare attenzione prima di acquistare una scarpa da corsa. 10 consigli utili.

Roberto Martini

23 Novembre 2021

8

Con l’articolo di oggi cercherò di fornirvi una piccola guida all’acquisto, spiegherò cosa guardare e a cosa prestare attenzione prima di acquistare una scarpa da corsa e dirò le mie preferenze, logicamente mi rivolgo ai principianti che non capiscono molto di scarpe e cercano dei consigli utili per non fare un acquisto errato, se siete degli atleti di livello avanzato queste cose dovreste già saperle ma potrete trovare ugualmente qualche spunto interessante.

 

HOKA BONDI X

 

1. LUNGHEZZA

la scarpa deve essere comoda, dovete sempre avere un pollice di spazio davanti al dito più lungo.
*Consiglio: prendere sempre un numero in più, non comprate mai scarpe da corsa precise o addirittura strette altrimenti rischierete di ritrovarvi con delle unghie nere e vesciche.

2. LARGHEZZA

Secondo aspetto collegato con il primo è la larghezza della scarpa, solitamente preferisco scarpe con una pianta larga che rispetta la naturale forma del nostro piede. Se il vostro piede è fino non dovreste avere problemi ma se avete la pianta larga prestate attenzione a questo aspetto, il nostro piede ha la forma delle FiveFingers e non delle scarpe classiche.

 

Entriamo nel dettaglio e iniziamo a descrivere la scarpa da corsa:

3. SUOLA

Fate caso alla suola che c’è sotto la vostra scarpa, alla forma sua forma. Alcune case per rendere la scarpa più leggera hanno uno strato minimo, il resto è tutta intersuola esposta che con il tempo tenderà a consumarsi più rapidamente.

4. DROP

Il drop è la differenza di altezza tra punta a tacco (io preferisco drop bassi da zero fino a un massimo di 4/6mm perché secondo me siamo fatti per correre scalzi quindi cerco di non modificare troppo quello che è già perfetto per natura). Un tacco alto serve per correggere e ammortizzare un appoggio errato di tallone, quindi il mio consiglio è quello di lavorare sulla tecnica di corsa anziché tamponare il problema con una scarpa con drop da 12mm.

5. ALTEZZA

Collegato con il punto precedente più l’intersuola è alta e più protettiva sarà la scarpa che vogliamo utilizzare, (io preferisco scarpe con un’altezza intermedia), utilizzerei scarpe con un’ alta intersuola solo per allenamenti lunghissimi tipo 70/100km su strada, scegliete sempre la scarpa in base alle vostre esigenze.

6. FLESSIBILITA’

Un altro aspetto da considerare è la flessibilità della scarpa, (personalmente preferisco evitare scarpe troppo rigide che a lungo andare tendono ad indebolire il nostro piede).
prendete in mano la scarpa e provate a piegarla, se non riuscite punterei verso un altro modello a meno che non sia una scarpa da gara con piastra in fibra carbonio oppure una scarpa con cui volete correre per 100km.

7. AMMORTIZZAZIONE

Altro aspetto da guardare è l’ammortizzazione, alcune scarpe sono più soffici, quasi come se il piede affondasse al loro interno e altre sono più rigide, in questo caso scegliete quella che a gusto reputate più adatta al vostro piede.

8. SUPPORTI

Fate attenzione a non percepire dei fastidi sotto al piede o sui lati del piede, la forma della scarpa deve coincidere con la forma del vostro piede, se sentite un leggero fastidio sotto il piede quel fastidio dopo 10/20km può diventare un’infiammazione.

9. PESO

Solitamente una scarpa più pesante è più strutturata e duratura (solitamente ma non è una certezza) scarpe più leggere tenderanno a durare meno, a me non piacciono scarpe troppo pesanti, cerco sempre il giusto compromesso tra peso e protezione.

10. TOMAIA

Attenzione anche a questo aspetto, una tomaia troppo pesante nel periodo estivo può far sudare il piede e causare delle vesciche mentre una troppo traspirante nel periodo invernale con temperature fredde può dare fastidio. Per questo punto la differenza viene fatta dalle condizioni meteo del posto in cui viviamo…qui a Roma solitamente scarpe estive vanno bene anche in inverno. Inoltre una tomaia troppo fina potrebbe strapparsi prima mentre una più robusta in teoria dovrebbe avere una vita più lunga.

 

BONUS SENSAZIONE quando provate una scarpa dovete sentirla comoda, dovete avere una bella sensazione quando provate a correrci, se non fosse così quella scarpa non fa per voi…


Buone corse a tutti!

Roberto


Leggi anche:

“Come velocizzare il recupero”

“Gli errori più comuni nella corsa”

“L’interval training nella corsa”