Trend e prodotti » Guida all'acquisto » Trend e prodotti » MTB – Guida alla scelta dei pantaloni lunghi
MTB – Guida alla scelta dei pantaloni lunghi

MTB – Guida alla scelta dei pantaloni lunghi

Le temperature si stanno abbassando, per diversi biker è arrivato il momento di passare ai pantaloni lunghi. Ecco qualche indicazione utile per fare l’acquisto corretto.

Cristiano Guarco

12 Ottobre 2021

0

Ispirati all’abbigliamento da motocross, i pantaloni lunghi per il trail riding in MTB riescono a unire stile con funzionalità.

Negli ultimi anni, i pantaloni lunghi da MTB – altrimenti conosciuti come trousers – sono diventati un’alternativa sempre più popolare agli shorts, in particolare per aiutare a continuare a girare anche nella stagione fredda e umida. A parte lo stile ricercato e ispirato al mondo del gravity in MTB, un pantalone ha alcuni vantaggi pratici: vi terrà al caldo e relativamente asciutti.

Pensate solo a un’uscita fangosa, scordandovi di tornare a casa con le gambe ricoperte di terra bagnata: basta toglierveli di dosso e il gioco è fatto! Inoltre rimangono fermi in vita, non si impigliano nella parte superiore delle ginocchiere, e vi offrono una protezione extra da graffi e abrasioni.

Ovviamente il lato negativo è il loro utilizzo limitato alle stagioni autunnale e invernale, a meno che non abbiate in programma una lunga gita alpina in estate, dove il meteo è ballerino oltre a viaggiare spesso e volentieri a quote elevate, con relative temperature più fresche.

Anche se i pantaloni lunghi affondano le loro radici nel motocross e nel downhill in MTB, molti dei capi attuali sono più leggeri e più comodi, per pedalare a lungo, oltre a essere disponibili in versioni da uomo e da donna.

 

Regolazioni e chiusura

Ci sono semplici strap laterali in velcro per la regolazione fine del fit, spesso accompagnati da una chiusura micrometrica in vita. Altrimenti troviamo un tradizionale bottone, che per i pantaloni più ricercati può essere assistito da un secondo nel caso il primo si rompa. La classica zip frontale può essere sostituita da un semplice lembo sovrapposto, che ha il vantaggio di non potere rompersi.

 

Tasche

Sono utili per riporre piccoli oggetti come chiavi, telefono, denaro, e un multi tool. Solitamente troviamo le due classiche tasche laterali aperte, molto più raramente chiuse da zip. Nei modelli più ricercati abbiamo anche una tasca di sicurezza, più piccola e collocata sul retro.

 

 

Taglio

Alcuni pantaloni prevedono un taglio più ampio sul ginocchio, in modo da lasciare la necessaria libertà di movimento mentre si pedala, oltre a permette di indossare le ginocchiere al di sotto. Può essere presente un materiale rinforzato sopra il ginocchio, per minimizzare i rischi da abrasioni e graffi.

 

Impermeabilizzazione

Molti trousers, soprattutto quelli più resistenti alle intemperie, godono di un trattamento DWR (Durable Water Repellant) sul tessuto, per renderli idrorepellenti. Non significa che siano completamente impermeabili, ma questo rivestimento aiuta a tenere lontano umidità e sporco, oltre a rendere più facile il lavaggio.

 

Traspirabilità

Così come avviene per gli shorts, i pantaloni lunghi hanno inserti traspiranti e/o elasticizzati nell’area del cavallo e sul retro delle ginocchia per incrementare il comfort e agevolare i movimenti in sella e fuorisella. Possono essere anche presenti prese d’aria frontali con zip, per regolare il flusso d’aria nelle giornate più calde.

 

Rinforzi

Spesso sulla parte inferiore della caviglia destra è applicato un rinforzo in Cordura o materiale assimilabile. Lo scopo è impedire che la catena e i denti della guarnitura taglino il tessuto quando piegate in curva o state pedalando.


Prodotto nelle immagini: Fasthouse 2.0 MTB Pant