Trend e prodotti » Guida all'acquisto » Trend e prodotti » La nuovissima Trek Madone SLR è pronta a scardinare il concetto di velocità
La nuovissima Trek Madone SLR è pronta a scardinare il concetto di velocità

La nuovissima Trek Madone SLR è pronta a scardinare il concetto di velocità

Caratterizzata dall’esclusiva tecnologia IsoFlow e da una serie di migliorie aerodinamiche, la nuova Madone SLR si prepara a diventare la nuova outsider dell’asfalto.

ENDU

25 Luglio 2022

0

Quando si parla di bici da corsa, due sono le variabili su cui designer e ingegneri di tutti i marchi di biciclette lavorano intensamente: velocità e leggerezza (che a loro volta sono collegate).
Lo sanno anche in casa Trek visto che da poco è uscita la nuova Madone SLR ovvero la settima generazione di una bicicletta che già si era fatta notare in tema di velocità comfort.

Viene naturale domandarsi quali siano le caratteristiche sulle quali questa bicicletta si è ulteriormente evoluta rispetto alle versioni precedenti.
Partiamo intanto da qualche numero:
velocità: si è riscontrato che questo modello, grazie al lavoro sull’aerodinamica (focus su telaio, manubrio/attacco, posizione sella) guadagna circa 60 secondi all’ora (misurati a 45 km/h);
leggerezza: il nuovo design unito all’utilizzo del carbonio OCLV 800 rende la Madone ben 300 grammi più leggera rispetto a prima.

Su che cosa si è lavorato per ottenere questi miglioramenti?
Prima di tutto sulle forme aerodinamiche dei tubi, utilizzando sempre profilo Kammtail ma ottimizzato sulle nuove forme strutturali;

poi su una nuova tecnologia del tubo sella (IsoFlow). Si è passati così dal sistema IsoSpeed (disaccoppiatore del piantone) a un nuovo concetto di tubo verticale che (l’immagine qui sopra è esemplificativa) interrompe la sua naturale corsa verso quello orizzontale e si dirama in due appoggi sui pendenti del carro. Il risultato, in termini di aerodinamicità, è che i flussi d’aria provenienti dalla zona frontale vengono indirizzati in questa specie di condotto, minimizzando vortici d’aria e turbolenze.

Ma la tecnologia IsoFlow offre un altro plus, questa volta a vantaggio del comfort: il reggisella, semintegrato, può flettersi con più libertà e fornire una sensazione di guida più fluida ed elastica.

Infine Trek, sempre per aumentare l’aerodinamicità, ha studiato un manubrio integrato monoblocco e ha lavorato sulla sua forma, che risulta svasata: la larghezza, infatti, è misurata ai drop, mentre i top sono 3 cm più stretti. In pratica: una misura 42 (ai drop) in realtà sarebbe una 39 (misurazione all’altezza dei comandi). In questo modo le braccia del ciclista assumono una posizione più stretta e compatta.

Per quanto riguarda reach e drop del manubrio, parliamo di 80 millimetri per la parte superiore e 124 millimetri di drop. Le estensioni aerodinamiche non possono essere montate.

La nuova Trek Madone SLR ha già avuto ottimi responsi di utilizzo visto che è già stata adottata dal team Trek-Segafredo maschile e femminile nei più grandi eventi del calendario ciclistico, tra cui il Tour de France 2022 e il primo Tour de France Femmes.

La nuova Trek Madone SLR è disponibile attraverso la rete globale di partner commerciali di Trek.
Attualmente la bici è disponibile in otto taglie, dalla 47 alla 62, e si può scegliere tra cinque colorazioni e sei allestimenti. Madone SLR sarà anche completamente personalizzabile tramite il servizio esclusivo Project One.