Preparazione » Preparazione » School of swimming » Gli esercizi di riscaldamento che non devono mancare

Gli esercizi di riscaldamento che non devono mancare

Luca Sacchi ci consiglia una routine di esercizi da svolgere prima di entrare in acqua. Possono fare la differenza, migliorando la tue performance ed evitando spiacevoli infortuni. 

Redazione ENDU

15 Febbraio 2022

2

Siamo andati in DDS e abbiamo incontrato Luca Sacchi per farci consigliare una semplice routine di esercizi utili a riscaldare e attivare tutti i muscoli e le articolazioni maggiormente coinvolte durante un allenamento di nuoto.

Partiamo dalla spalla, con dei movimenti semplici che mirano ad attivare tutti i muscoli che la stabilizzano, devono essere movimenti morbidi, non dobbiamo forzare. L’obiettivo è quello di aumentare la nostra sensibilità nel riuscire a sentire la mobilità della spalla.

È fondamentale anche riscaldare bene la fascia addominale, bisogna iniziare con esercizi base.

Si può eseguire un plank basso per poi passare ad un plank alto. Consigliamo di inserire variabili che possono avere utilità in acqua per evitare rollii sbagliati, per cercare di attivare tutti i muscoli necessari per stabilizzare il bacino. In posizione di plank posso anche simulare la bracciata dello stile libero.

È importante capire che questi esercizi servono anche in acqua. Alcuni possono essere svolti anche a casa al risveglio per poi concentrarsi su esercizi più mirati a mobilizzare le spalle quando arrivo in piscina.


In collaborazione con Volkswagen Veicoli Commerciali