Lifestyle » Idee di viaggio » Lifestyle » News » Giulia e Cesare: l’amore per il cammino

Giulia e Cesare: l’amore per il cammino

Abbiamo incontrato Giulia, che con il suo compagno di vita e di camminata Cesare ha creato il canale Youtube @DueInCammino.

ENDU

16 Maggio 2022

0

In questa puntata di IDEE DI VIAGGIO, andremo con Giulia, protagonista insieme al compagno Cesare di un canale youtube che racconta le loro avventure di viaggio: Due in cammino. 

Come spesso avviene, l’incontro tra Giulia e il cammino è stato casuale, ma una vera e propria folgorazione.
Era agosto del 2016 quando un’amica le chiese di accompagnarla a percorrere 4 tappe della via Francigena in Toscana, terra di origine di Giulia. 

Dopo quei 4 giorni, qualcosa era già scoccato dentro. Così decise di fare qualche altra giornata di cammino, sempre insieme a Cesare, il compagno con cui condivide questa passione fin dall’inizio.

I viaggi di Giulia sono sempre in coppia, fin da quella prima estate del 2016. In quei giorni lì Giulia e Cesare vengono colpiti da un’emozione bellissima: si mescolano tante cose, dalla zingarata con amici a un senso di libertà assoluto. Sentirsi lì solo con uno zaino, in completa libertà, lascia in Giulia una gioia enorme. Era molto contenta e felice, e mettersi in cammino, un passo dopo l’altro, iniziava a cambiarle la vita.

Il lavoro riprorta Giulia e Cesera a Milano, ma durante tutto l’anno continuano a pensare alle emozioni provate durante quei pochi giorni di cammino: devono ripetere, e l’idea è quella di aspettare l’estate successiva, preparandosi anche fisicamente, e concludere la via Francigena dove l’avevano lasciata, in Toscana, arrivando fino a Roma.

Per la prima volta, in questa seconda spedizione, Giulia e Cesare si trovano a condividere il percorso con altri camminatori incontrati lungo la via. Si crea un gruppo che i due porteranno avanti negli anni. Anche la socializzazione con gli altri camminatori è uno degli aspetti che hanno lasciato il segno in Giulia.

Giulia insegue la sua passione in ogni periodo dell’anno, nonostante il lavoro. Si iscrive a gruppi Facebook di camminatori, dove scopre sempre nuovi percorsi interessanti, tra la miriade di cammini che si trovano in Italia.

Così nasce anche l’idea di aprire un canale Youtube per raccontare la loro esperienza (e per tranquillizzare la madre ansiosa, che così avrebbe visto cosa voleva dire camminare).

Il nome al canale è il più efficace a descrivere la realtà: due in cammino, Giulia e Cesare, che raccolgono lì i loro viaggi in una sorta di webserie, una puntata per ogni tappa.

E tra tutti questi viaggi, uno dei percorsi a cui sono più affezionati è la Via degli Abati: un percorso di 190 km, da Pavia a Pontremoli, che passa attraverso gli Appennini, con molto dislivello positivo e negativo. Un percorso un po’ complesso, ma che regala tanto.

Giulia segnala l’alba a Bardi: qualcosa di spettacolare con il buio che cede il passo alla luce e il castello che emerge maestoso. Ti senti piccolo e allo stesso tempo vedi uno spettacolo davanti ai tuoi occhi. Ma quali sono gli oggetti indispensabili per un cammino come la Via degli Abati? 

Cosa non può mancare in uno zaino del camminatore, secondo Giulia?

1)coltello per tagliare la frutta e il pane

2)la crema antifrizione da applicare sui piedi e sulla spalle dove metti lo zaino

3) la curiosità

E oltre alla curiosità, questi anni di cammino hanno lasciato tantissimo a Giulia: 

la pazienza, perché se hai da fare una tappa lunga di 30/35km non hai alternative, la devi fare. E questa pazienza è una cosa che si può applicare anche a tutto il resto dalla vita, a partire dal lavoro. 

Un’altra cosa che Giulia ha imparato grazie al cammino è la capacità di circondarsi dell’essenziale, evitando tantissime cose inutili (per esempio ha smesso di fare shopping compulsivo).

E poi il cammino ha trasmesso veramente tantissima allegria, sei felice con poco e in modo diverso. Imparare a gioire delle piccole cose, che sembrano piccole ma in realtà poi alla fine della giornata ti fanno ripensare le cose in maniera diversa e più felice, lasciandole un po’ andare. 


In collaborazione con Volkswagen Veicoli Commerciali