Trend e prodotti » Tech & Test » Trend e prodotti » Form Swim, gli occhialini del futuro, il test di Luca Sacchi
Form Swim, gli occhialini del futuro, il test di Luca Sacchi

Form Swim, gli occhialini del futuro, il test di Luca Sacchi

Luca Sacchi per la rubrica Tech And Test ci accompagna alla scoperta, e soprattutto a un test severo, dell’occhialino smart di Form Swim. Ipnotico

ENDU

14 Gennaio 2021

1

Luca Sacchi ci accompagna alla scoperta e soprattutto a un test severo, dell’occhialino smart di Form swim.

Noi di ENDU eravamo già sul pezzo da oltre un anno incuriositi da questo device innovativo e ne avevamo trattato in un paio di contenuti tra cui questo di Filippo Tommasini.

Questi occhialini per il nuoto sono davvero rivoluzionari: comunicano istantaneamente il passo per 100 m che si sta tenendo, dato che altrimenti, anche con gli sportwatch, si vedrà solamente alla fine della ripetizione che si sta effettuando. Quindi che sia una singola vasca da 25, che una ripetuta da 100 o 400, sapremo quale sarà il ritmo che si sta tenendo, permettendoci di aumentarlo o ridurlo.

Un bell’aiuto per tenere il ritmo imposto da un allenatore.

Molti nuotatori non hanno la sensibilità per capire che passo si stia tenendo, diventa quindi un aiuto per atleti che vogliano fare uno scatto di qualità.

Aperta la confezione oltre agli occhialini ci sono ben 6 naselli distanziatori per adattarsi a qualsiasi volto, che si somma a quello premontato, il cavo di ricarica USB che si connette magneticamente al device.

La linea dei Form Swim è tradizionale, tipo svedesi per capirci, ma con un volume sul lato destro che rappresenta la parte tecnologica degli occhialini, con hardware e proiettore. Il look tradizionale fa in modo di non sembrare un NERD in vasca, perchè si confonde con quelli tradizionali, ed se non si accende l’hardware rimane un prodotto “anonimo”.

La lente è specchiata con trattamento anti appannamento, e rimangono stabili durante la nuotata ed anche durante il tuffo, dettaglio importantissimo!

Per selezionare che dati vedere, su che lente, con che luminosità, ed altre regolazioni, bisogna connettere via Bluetooth gli occhialini all’apposita app Form Swim, da scaricare gratuitamente, il consiglio di Luca Sacchi è di svolgere questa operazione per tempo e non improvvisare a bordo vasca, ci vuole un po’ di tempo, ma la soddisfazione che ne seguirà vale il minimo sforzo. La app si può interfacciare poi con le principali piattaforme di allenamento: Strava, Training Peak, Garmin Connect, e persino Facebook per rimanere social nell’allenamento.

La durata della batteria dichiarata è di 16 ore, quindi per chi nuotasse davvero tanto può caricare i Form Swim una volta a settimana, molto interessante.

Gli occhialini riconoscono lo stile di nuoto, non ci sarà bisogno di fissare l’orologio continuo della piscina per decidere la ripartenza, perché la vedremo sulla lente, e chi avesse problemi di miopia farà festa!

Si imposta la misura della vasca dalla app, quindi che sia 25 o 50 m, o misure diverse come quelle in yarde, il ritmo sarà collegato alla vasca. Se ci si fermasse a metà vasca gli occhialini riconoscerebbero comunque la distanza completata, un problema che emerge inevitabilmente in ogni dispositivo per il nuoto.

Ma qual è la precisione del tempo per vasca di questi occhialini di Form Swim comparati al caro vecchio cronometro del coach che ce lo urla?
Beh, niente male: 1’07″20 per gli occhialini contro il real time del contro 1’07″65 del coach, un minimo discriminante che potrebbe fare a differenza in gara, ma in allenamento individuale l’approssimazione è più che mai plausibile.

I dati che si possono estrarre sono tantissimi: dal passo per vasca al numero bracciate, lo stile, calorie, distanza per bracciata media, ed altri, mancherebbe il GPS, assenza che si può già tamponare con il collegamento a sportwatch come Garmin, Apple Watch o Polar che trasmettono i dati al visore.

Se è vero che spesso anche l’attrezzatura stimoli la voglia di allenarsi, questi occhiali Form Swim sono davvero una chicca acquistabile dal sito, sperando riaprano presti tutte le piscine e si torni ad allenarsi in condizioni di normalità. Servono altri stimoli?