Preparazione » Alimentazione » Preparazione » Distribuire le Calorie nella giornata, allenamento serale
Distribuire le Calorie nella giornata, allenamento serale

Distribuire le Calorie nella giornata, allenamento serale

Quando ci si allena prima di cena è utile distribuire le calorie per arrivare carichi di energie nonostante la giornata.
Vediamo come con il dott. Fabio Pezzoni.

Fabio Pezzoni

23 Novembre 2020

0

Lunedì scorso vi ho spiegato come distribuire le calorie di un soggetto che si alleni in pausa pranzo. Oggi invece vedremo un altro scenario piuttosto frequente, l’allenamento serale.

Senza dover riprendere i concetti teorici già espressi nel precedente articolo, andiamo subito all’esempio: il nostro runner dovrà ingurgitare 3000 kcal nel giorno di allenamento da 1h per essere in normocalorica.

Come si distribuiranno le calorie sapendo che ci si allenerà dalle 18 alle 19?

Partiamo dalla colazione che può ricoprire il 20% del fabbisogno calorico giornaliero con le sue circa 600 kcal; ricordatevi che deve essere una colazione completa, con tutti i macronutrienti quindi carboidrati complessi in primis, proteine e infine un po’ di grassi buoni.

Facciamo un esempio:

Yogurt greco, fiocchi d’avena e della frutta secca.

Lo spuntino di metà mattina può ricoprire un 10% del fabbisogno arrivando a 300 kcal.

Come gestirlo da un punto di vista alimentare non è così semplice perché dipende dal tempo che il nostro runner abbia a disposizione ma anche dalla sua organizzazione: può portarsi le cose a lavoro? Può dedicare, lavorativamente parlando, 10’ ad uno spuntino? Pranza in macchina e l’unica alternativa è una barretta? Insomma avrete capito che questo aspetto sembra banale ma alla fine bisogna sempre aiutare l’atleta consigliandoli qualcosa di idoneo alle sue esigenze, onde evitare che cada nella malefica macchinetta…..sempre pronta a consolare.

Arrivato al pranzo, il nostro runner dovrebbe fare un bel pasto completo ma senza esagerare con i carboidrati. Ok che serviranno per l’allenamento ma comunque ripeto, non esageriamo.  Piuttosto teniamoceli in parte per il pasto PRE allenamento che andrebbe fatto un paio d’ore prima e per quello POST, dove essendo i muscoli belli avidi di glucosio può essere più abbondante. Il motivo per il quale potremmo abbondare (usando sempre la testa) con i carboidrati nel pasto successivo all’allenamento è la maggior espressione di recettori per il glucosio a livello muscolare, ovvero dei GLUT4. Rimaniamo per questo pasto intorno al 25% del fabbisogno giornaliero. Circa.

Quindi il  nostro atleta  mangerà carboidrati a cena? Ma non ingrassa?

Tipica domanda che puntualmente viene fatta e la risposta è sempre la stessa:

“Questa è preistoria”.

Non dare i carboidrati a cena con la convinzione che facciano ingrassare, nel 2020 è un errore considerevole di chi non si aggiorna da parecchi anni; ovviamente non spetta agli atleti aggiornarsi ma a noi professionisti del settore. Infatti il problema risiede proprio qui, ossia in quei professionisti che non si aggiornano e divulgano informazioni decisamente obsolete…..ma questo è un altro argomento.

Per di più potrei aggiungere che fanno addirittura bene al sonno questi carboidrati.

Insomma questo è uno di quei falsi miti che adoro sfatare tutte le volte.

Torniamo a noi:

Come possiamo distribuire le calorie nel Peri Workout?

Merenda 15%, quelle famose 450 kcal (consiglio un paio d’ore prima per assicurarsi una buona digestione).
Ricordatevi sempre quello che dicevo nell’altro articolo ovvero: più vicini vi ritroverete all’allenamento, meno grassi e proteine dovrete consumare. In alcune circostanze potrete pensare ad un pool di essenziali o proteine in polvere ma dipende da altri fattori che non tratterò in questo articolo. Ad ogni modo dovrete prediligere carboidrati complessi.

Cena 30%: rappresenterà il pasto principale sempre che venga fatto ad un orario decente che permetta all’atleta di poter completare la digestione prima di andare a dormire. Direi quindi almeno il 30%, ricca in carboidrati complessi per reintegrare il glicogeno, proteine per sostenere il recupero ma anche una buona fonte di grassi in quantità ovviamente più basso rispetto agli altri macronutrienti.

Rimane sempre un esempio di come distribuire le calorie, ma penso possa essere un ottimo spunto per chi si ritrova in questa situazione.

Foto copertina di Holdosi