Discovering Emilia Parchi e Castelli del Ducato

Per questa quarta tappa di Emilia Bike Experience pedaliamo nel Parco Regionale dello Stirone e del Piacenziano, tra le province di Parma e Piacenza, alla scoperta della natura protetta tra castelli, rocche e fortezze.

Lorenza Bernardi

Storia, arte, sport ed enogastronomia: ebbene sì, quando si parla di Emilia, questi sono sempre i ‘quattro moschettieri’ che rendono questa regione meta indiscussa di vacanze e gite fuori porta.
Questa volta partiamo da Salsomaggiore Terme, al cospetto del meraviglioso Palazzo Berzieri e il suo stile art déco, per pedalare lungo l’Itinerario Cicloturistico Parchi e Castelli del Ducato (l’itinerario di oggi riunisce la prima e la quarta tappa dell’intero percorso*), attraverso il Parco Regionale dello Stirone e del Piacenziano. Questo parco nasce nel 2012 dalla fusione di due aree naturali protette: il Parco Regionale Fluviale dello Stirone e la Riserva Naturale Geologica del Piacenziano. L’intero Parco riveste una straordinaria importanza dal punto di vista paleontologico, grazie alla notevole presenza di reperti fossiliferi dell’Era Terziaria e Quaternaria, portati alla luce da processi erosivi. Questi reperti hanno reso noto il Parco al mondo scientifico internazionale.
All’interno si trova il MuMAB (Museo Mare Antico e Biodiversità) che custodisce una collezione di fossili dell’antico mare padano ed è impegnato in attività di catalogazione e studio dei fossili e di didattica. 

Castello di Scipione dei Marchesi Pallavicino si incontra subito dopo Salsomaggiore, proprio sul confine tra Parma e Piacenza. È un castello antichissimo costruito prima dell’anno 1000 da Alberto Pallavicino. La zona era strategica per l’estrazione del sale e questo fu fondamentale per la produzione di parmigiano, perché Manfredi Pallavicino forniva di sale le vicine abbazie.

Prima di Castell’Arquato, a metà del percorso, bisogna fare tappa d’obbligo a Cantina Visconti, dove si produce Gutturnio, Bonarda, Barbera, ma soprattutto il Vin Santo di Vigoleno, vino passito doc, prodotto fin dall’antichità dai frati che abitavano il Castello.
Castell’Arquato è caratterizzato da questo castello dalla pianta quadrangolare. Il suo
 nome deriva probabilmente da castrum quadratum, che nei documenti tardo-medievali indica la pianta a forma quadrangolare del castrum. Grazie alla sua posizione geografica, il borgo è sempre stato riconosciuto come struttura difensiva della zona.

Ultima tappa dell’itinerario (e ultimo castello): Castello di Castelnuovo Fogliani, anche questo presidio di difesa del territorio circostante, come evidenzia l’alta torre che controlla l’ingresso sottostante. 

*L’itinerario cicloturistico dei Parchi e dei Castelli del Ducato è lungo 150 km ed è diviso in 5 tappe:

  • 1^ tappa: da Salsomaggiore a Castell’Arquato Lunghezza: 29.2 km – Dislivello in salita: 178 m – Dislivello in discesa: 179 m. Itinerario facile con dislivello poco impegnativo.
  • 2^ tappa: da Castell’Arquato a Gropparello Lunghezza: 25.9 km – Dislivello in salita: 577 m – Dislivello in discesa: 379 m. Itinerario da affrontare con buona preparazione atletica per difficoltà nel dislivello.
  • 3^ tappa: da Gropparello a Castell’Arquato Lunghezza: 33.3 km – Dislivello in salita: 334 m – Dislivello in discesa: 531 m. Itinerario mediamente difficoltoso nel dislivello.
  • 4^ tappa: da Castell’Arquato a Salsomaggiore Lunghezza: 28.8 km – Dislivello in salita: 520 m – Dislivello in discesa: 512 m. Itinerario da affrontare con buona preparazione atletica per difficoltà nel dislivello.
  • 5^ tappa: Anello di Tabiano Lunghezza: 26.7 km Dislivello in salita: 353 m Dislivello in discesa: 353 m. Itinerario mediamente difficoltoso nel dislivello).

Il percorso affrontato in questo video conta circa 59 km, pedalando lungo strade accessibili a tutti. L’itinerario è adatto ad amanti del gravel ma anche a cicloturisti, viaggiatori e famiglie che in sella all’ebike possono scoprire territori unici.

Si ringrazia: Enrica Montanini, Doriano Rivieri, Marco Rossi, Barbara Vernizzi, Massimiliano Bravi, Società Agricola Visconti Massimo & C, Associazione Castelli del Ducato di Parma, Piacenza e Pontremoli, René e Stefania Von Holstein del Castello di Scipione dei Marchesi Pallavicino, Emanuela Moschini di Visit Vigoleno

In collaborazione con Volkswagen Veicoli Commerciali, Hardskin, Cambiobike

condividi

commenti

Ancora nessun commento inserito. Vuoi essere il primo a commentare?

scrivi commento

scelti per te

newsletter

Rimani sempre aggiornato grazie alla nostra newsletter!

vai su

Endu

rispettiamo l'ambiente

Questa schermata consente al tuo schermo di consumare meno energia quando la pagina non è attiva.

Per continuare a navigare ti basterà cliccare su un punto qualsiasi dello schermo o scorrere la pagina.

Clicca qui se invece vuoi puoi disabilitare questa funzionalità per i prossimi 30 giorni. Si riattiverà automaticamente.
Info
Trovata una nuova versione del sito. Tra 5 secondi la pagina sarà ricaricata
Attendere...

Se non vuoi attendere clicca questo link