Trend e prodotti » Insider » Trend e prodotti » Dainese: come nascono i nuovi caschi Linea 01 e Linea 03 per la MTB

Dainese: come nascono i nuovi caschi Linea 01 e Linea 03 per la MTB

Dainese torna da protagonista nel mondo dei caschi per la mountain bike, stabilendo nuovi standard per leggerezza e sicurezza.

Cristiano Guarco

29 Marzo 2022

0

Dainese torna da protagonista nel mondo dei caschi per la mountain bike, stabilendo nuovi standard per leggerezza e sicurezza. Il modello aperto Linea 03 e l’integrale Linea 01 focalizzano l’attenzione su protezione, peso e traspirazione, da sempre messi in primo piano dagli appassionati di MTB. Abbiamo approfittato della visita alla sede Dainese per intervistare Annalisa Ricetti, Product Marketing Manager per il settore Bike del marchio veneto, e scoprire come innovazione e funzionalità incontrano la leggerezza assoluta e tecnologie di protezione all’avanguardia.

Come e quando è nato il progetto dei nuovi caschi MTB Linea 01 e Linea 03?

I piani di business relativi alla nuova linea di caschi MTB sono partiti nel 2019, finalizzati nel 2020 per poi chiudere lo sviluppo nel 2021.

Il core di Dainese è la protezione e come per la moto, anche nella bici, la volontà e di fornire una protezione sempre più “from head to toe”.

Ogni progetto di Dainese porta con sé l’esperienza di un’azienda che realizza protezioni da cinquant’anni, votata all’innovazione tecnologica e a una continua ricerca di evoluzione, sia nel motociclismo che nell’outdoor in generale come la mountain bike e lo sci.

Stiamo assistendo ormai da anni ad una crescita esponenziale nel ciclismo e in particolare nel mondo della mountain bike, Dainese non sta a guardare, crede nel potenziale di questo segmento e sa che può contribuire in modo totalizzante alla protezione del biker.

Dainese Press Camp_ph: Alex Luise

 

Quali erano gli obiettivi che Dainese si era prefissata?

Ci sono essenzialmente due obiettivi che caratterizzano questo progetto:

  • La protezione senza compromessi
  • L’essenza della nostra filosofia Made To Pedal

Con l’approccio Made To Pedal, l’intento di Dainese è quello di proteggere senza compromettere il movimento, ovvero permettere al biker di muoversi, pedalare e andare oltre i propri limiti in totale sicurezza ma con la massima libertà.

Tale filosofia è basata su un topic cross segmento proprio di Dainese, ovvero il concetto di Inspired by Humans.

La protezione segue e si adatta all’umano per garantirgli la completa libertà nello svolgimento dell’attività outdoor.

Quindi i pilastri dello sviluppo della gamma di caschi Dainese sono stati:

  • Inspired by Humans tradotto in una calotta che segue la struttura del cranio evitando aree di compressione fastidiose
  • Leggerezza, tradotta in un Full Face con un peso di soli 570 grammi.
  • Traspirabilità, garantita dalle numerose feritoie per la ventilazione sia in entrata che in uscita.

Quanto è stata lunga la fase di progettazione e sviluppo? Quali sono stati gli atleti e i rider sponsorizzati coinvolti dall’inizio?

Trattandosi di prodotti destinati alla protezione della testa, i tempi di progettazione e di ingegnerizzazione sono importanti anche in considerazione degli svariati test e processi di certificazione. Le tempistiche dipendono inoltre dall’analisi di eventuali progetti precedenti che riguardano altri ambiti Dainese da cui si possano mutuare ispirazioni e nuovi input tecnologici. L’ambito Multisport Dainese attinge infatti molto dal know how del motociclismo e apparel in generale. Durante le fasi di sviluppo e prototipizzazione, vengono coinvolti molti attori, sia in ambito racing, che non.

Lavoriamo sempre a stretto contatto con gli atleti dei team Enduro in quanto possono fornire importanti feedback sia in termini di performance che di fitting e comfort.

 

Quanto sono importanti la sicurezza e la protezione del biker per Dainese?

La protezione è il core, è l’essenza di Dainese. Dainese è protezione per antonomasia, quindi tutti i progetti, dalla strategia fino all’industrializzazione, hanno come primo focus i massimi livelli di protezione, sia per quanto riguarda i caschi che per tutta la linea di abbigliamento e scarpe.

Sicuramente la mountain bike, in particolare nel segmento gravity, oltre al divertimento porta con sé diversi rischi e Dainese conosce bene ogni peculiarità di questo mondo. Oggi stiamo assistendo ad una diffusione di questo sport a tutti in livelli, dal più esperto al newcomer che affronta per la prima volta dei trail particolarmente tecnici, anche grazie all’avvento delle e-bike.

Questo trend fa sì che la tipologia di consumatore sia più eterogenea e spesso poco consapevole dell’importanza della protezione, anche in uno sport che ti porta nei boschi senza traffico.

Per questa ragione, ora uno degli obiettivi di Dainese è proprio quello di iniziare a portare la cultura della protezione, di far percepire la necessità primaria di proteggersi garantendo al nostro biker il massimo della libertà di movimento.

Quali sono gli studi e i test svolti per assicurare il livello desiderato?

Dopo aver fatto un’attenta analisi di ciò che offre il mercato, si svolgono diversi studi legati al design, ai materiali, ai sistemi strutturali che confluiscono in vari prototipi che vanno testati sia in termini di fitting che di sicurezza.

Massima attenzione è data a quest’ultimo aspetto, ovvero ai testi di resistenza e di assorbimento dell’impatto da parte del casco. Ci assicuriamo sempre di avere un margine superiore rispetto agli standard richiesti.

La certificazione è sicuramente la condizione sine qua non un casco può essere messo sul mercato e per quanto riguarda il Linea 03 ed il Linea 01, entrambi soddisfano il massimo degli standard qualitativi che elenco di seguito:

Linea 01: CPSC 1203 | CE EN1078 | ASTM F1952-DH | ASTM 2032-BMX | AS/NZ 2063|

Linea 03: CPSC 1203 | CE EN1078 | AS/NZ 2063 |

Gli standard sono un riferimento, ma tendenzialmente ci assicuriamo sempre di avere un margine superiore rispetto agli standard richiesti.

 

Quali sono gli elementi distintivi di Linea 01 e Linea 03?

 

Linea 01

Leggerezza (570 g): che ti permette di indossarlo sin da subito, anche quando affronti la salita e che puoi indossare per ore senza stancarti.

Estrema protezione: garantita dallo shell esterno in policarbonato, abbinato ad un guscio interno in EPS a doppia densità, mappato in base alle zone del cranio che sono più soggette ed esposte agli urti.

Robustezza e rigidità: fornite da un esoscheletro in nylon ispirato alle geometrie dei materiali auxetici, annegato nel guscio interno, partendo dalla mentoniera in EPS, e lungo tutta la parte delle guance.

Ventilazione: 29 prese d’aria, distribuite lungo tutto la superficie del casco (8 sulla mentoniera, 5 nella zona frontale, 2 vicino alle orecchie, 4 longitudinali e ben 10 per l’uscita dell’aria nella parte posteriore) che permettono un’elevata traspirabilità.

Il sistema MIPS: per proteggere il rider dai traumi derivanti dagli impatti rotazionali.

Il dispositivo di sicurezza TwICEme che permette di registrare direttamente nel casco i propri dati personali dal punto di vista medico e un numero di contatto per le emergenze al fine di ridurre i tempi di intervento in caso di incidente.

Il fitting: la possibilità di modificare ed adattare la calzabilità del casco grazie alla fornitura dei pad sostitutivi di diverso spessore, sia per la parte superiore del cranio che per le guance e la nuca.

Sistema di chiusura FidLock che permette di aprire e chiudere il casco con una mano sola anche indossando i guanti.

 

Linea 03

Versatilità e leggerezza: 340 grammi.

Ventilazione: 17 prese d’aria distribuite lungo tutto la superficie della calotta esterna che consentono una ventilazione e una traspirazione ottimali in ogni fase dell’attività e in ogni condizione atmosferica.

Il sistema MIPS: per proteggere il rider dai traumi derivanti dagli impatti rotazionali.

I dispositivi di sicurezza TwICEme e Recco, il primo che permette di registrare direttamente nel casco i propri dati personali dal punto di vista medico ed un numero di contatto per le emergenze al fine di ridurre i tempi di intervento in caso di incidente ed il secondo che permette di recuperare il rider in caso sia disperso.

Il fitting: la possibilità di modificare la posizione del rotore posteriore per regolare la vestibilità.

Sistema di chiusura FidLock che permette di aprire e chiudere il casco con una mano sola anche indossando i guanti.



DAINESE


In collaborazione con Volkswagen Veicoli Commerciali