Preparazione » Allenamento » Preparazione » Come ritrovare la costanza nella corsa
Come ritrovare la costanza nella corsa

Come ritrovare la costanza nella corsa

Stai riprendendo a correre ma non riesci ad essere costante, fai fatica a trovare gli stimoli giusti? Sei in una fase di stallo e non riesci a progredire? Ecco qualche consiglio per te!

Roberto Martini

10 Dicembre 2021

2

Ciao a tutti! Con l’articolo di oggi cercherò di darvi qualche consiglio per tornare ad essere costanti nella corsa e magari con ancora più voglia di prima.

Quando qualcosa nella nostra vita stravolge le nostre abitudini, facciamo difficoltà a ritrovare l’equilibrio per allenarci al meglio e in questi casi io soffro molto perché sono un tipo molto abitudinario, ho una routine che seguo quasi sempre alla lettera, dall’alimentazione, agli orari di allenamento e lavoro.

Come è possibile ritrovare il nostro equilibrio?

Per prima cosa è importante accettare la situazione attuale, guardarla per quella che è, non dobbiamo combatterla ma accettarla e poi fare un’analisi delle cose che non vanno. Prendete carta e penna e scrivete tutto quello che dovete modificare nella vostra vita, (per esempio: mangiare meglio, trovare il tempo per allenarmi almeno 3 volte la settimana, fare più stretching) trovate quello che dovete modificare, solo voi sapete e cercare di essere onesti con voi stessi è fondamentale.

Collegato con il punto precedente c’è il perché: perché volete modificare queste cose nella vostra vita? Perché volete smettere di fumare? Perché volete mettervi a dieta? Perché volete correre tutti i giorni? I nostri perché hanno una forza immensa e nei momenti difficili ci ricordano perché abbiamo scelto questa strada, perché stiamo apportando queste modifiche alla nostra vita, perché sto facendo tutti questi sacrifici? Per la mia salute? Per i miei figli? Solo voi conoscete i vostri perché.

Il terzo punto: una volta analizzate le cose che non vanno nella vostra vita è fare una vera e propria lista su come modificare le cose che non vanno, per esempio: consultare un nutrizionista per avere una dieta, iniziare a correre la mattina alle 7 perché è l’unico momento libero della giornata, fare stretching la sera mentre guardo la tv. In questa sezione dovete trovare la soluzione ai problemi riscontrati nel punto precedente, logicamente dovete fare una lista di cose per voi fattibili e realizzabili, è necessario essere onesti con voi stessi su quello che potete e non potete realmente fare.

 

 

Il quarto punto e forse secondo me uno dei più importanti è trovare un obiettivo, avere una meta da raggiungere aiuterà moltissimo la nostra motivazione, scrivete sul pezzo di carta il vostro obiettivo (che dovrà essere ben definito come per esempio correre la mia prima maratona) datevi una data di scadenza entro quanto lo dovrete raggiungere, ricordate che l’obiettivo dovrà sfidante e non troppo facile ma nemmeno impossibile… in questo caso con me le gare funzionano molto bene, quando mi iscrivo ad una gara riesco sempre a trovare quella motivazione in più.

Quinto punto: avere un programma di allenamento che mi porti al raggiungimento del mio obiettivo, in questo caso siete voi che dovete decidere se siete in grado di farlo in modo autonomo prendendo spunto da un libro oppure se avete bisogno dell’aiuto di un coach che vi segua lungo il percorso. Scegliete la soluzione che più fa al caso vostro, l’importante è avere ben chiaro in mente il percorso che dobbiamo fare per raggiungere il nostro obiettivo, dobbiamo visualizzarlo e farlo nostro.

Sesto punto: avete scritto nero su bianco la situazione in cui vi trovate, i vostri perché, cosa dovete fare, il vostro obiettivo e il programma di allenamento che dovete seguire, attaccate questi fogli in un punto dove possiate vederli per ricordavi il percorso che state seguendo e una volta alla settimana aggiungete una nuova routine alle vostre abitudini dalla lista che avete scritto prima, per esempio: la prima settimana inizierete a seguire un programma di allenamento, la seconda settimana contatterete un nutrizionista, la terza settimana aggiungerete lo stretching la sera davanti a un film… modificate le vostre abitudini in modo graduale, facendo un passo alla volta vi permetterà di affrontare questo cambiamento nella vostra vita con più facilità e meno stress.

Settimo punto: create la vostra routine, all’inizio sarà più difficile, ma dopo un paio di settimane inizierete a fare le cose in automatico, se avete deciso di correre tutte le mattine alle 7 dopo due settimane questa sarà diventata un’abitudine e non vi peserà più uscire per andare a correre come lo era nei primi giorni. Attenetevi alla vostra nuova routine e se per un giorno un imprevisto la modifica non sarà un problema, riprendetela il giorno successivo, avere una routine e un programma da seguire è la chiave per il successo.

 

C’è una frase che dico sempre ai miei allievi quando perdono costanza negli allenamenti:

io non posso correre per voi, siete voi che dovete trovare la forza e la voglia di correre dentro voi stessi… i fogli che avete scritto prima e che terrete attaccati sul frigorifero racchiudono questa forza, rileggeteli tutte le volte che vi sentite in difficoltà, quei fogli siete voi e la vostra voglia di cambiare la vostra vita. Ricordate che passo dopo passo possiamo arrivare ovunque e che tutto è possibile!


Cercate di essere costanti nella corsa… buone corse!!


Scopri di più sull’autore, clicca qui.


Leggi anche:

“Scarpe da running: guida all’acquisto”

“La classificazione delle scarpe da running”