Lifestyle » Lifestyle » Wellness » Come risolvere i dolori in sella
Come risolvere i dolori in sella

Come risolvere i dolori in sella

I dolori in sella sono un disturbo molto comune tra noi ciclisti. Non deve mai essere sopportato ma affrontato e risolto per poter pedalare con serenità.

Davide Petrini

25 Novembre 2021

1

I dolori in sella sono un disturbo molto comune tra noi ciclisti che non deve mai essere sopportato ma affrontato e risolto per poter pedalare nel modo migliore così da rendere uniche le tue esperienze in bici.

Una pedalata senza fastidi o senza dolori è l’ideale per divertirsi e godersi il giro in strada.

Quando parliamo di dolore in sella parliamo di un problema multifattoriale, dove diverse variabili influiscono sull’insorgenza di questo fastidio: dalla taglia della bici, alla posizione biomeccanica, al fondello dei nostri pantaloncini, alla sella ecc… Dovremmo quindi analizzare ogni variabile prima di risolvere definitivamente questo spiacevole fastidio che può manifestarsi con sintomi diversi come pressione, attrito, calore, sudore e umidità. Ad onor del vero è piuttosto frequente avere un po’ di “mal di sella” se stiamo provando per la prima volta un lungo da 100 kilometri, purché il giorno dopo questi dolori scompaiano del tutto. Mentre se il dolore è persistente anche nei giorni successivi, probabilmente è un segnale che qualcosa deve essere rivisto.

Cambia una cosa alla volta

Considerate le molteplici variabili che possono portare all’insorgenza del dolore in sella occorre procedere per gradi, apportando una modifica alla volta: imparando a sviluppare un vero e proprio processo di evoluzione del problema che ci porterà ad analizzare ogni singolo fattore. Infatti, se andiamo a provare contemporaneamente un nuovo paio di pantaloncini, una nuova sella e una nuova posizione in bici, come faremo a sapere quale di queste nuove modifiche funziona realmente o no? Cambiando un fattore alla volta invece, sarà possibile registrare le nuove sensazioni e la eventuale differenza che sta facendo la modifica.

Controlla la posizione in bici

La posizione in bici determina la distribuzione dei pesi del ciclista tra l’avantreno e il retrotreno della bici, andando quindi a generare pressioni diverse che si generano sia sulle mani poggiate sul manubrio che sulle ossa poggiate sulla sella. Una posizione molto eretta del ciclista potrebbe scaricare molto peso sul retrotreno della bici e quindi sulla sella, alleggerendo la pressione sulle braccia. La corretta posizione in sella la si ottiene nel tempo apportando via via piccolissimi cambiamenti che rispecchiano il nostro livello atletico e il nostro grado di flessibilità. Ogni qualvolta che cambiate bici o notate un piccolo fastidio comparso all’improvviso non sarebbe sbagliato prendere appuntamento con il vostro biomeccanico di fiducia per fare un controllo alla vostra posizione.

Usa una sella della larghezza giusta

Conoscere l’impronta con cui ci poggiamo sulla sella è importante in quanto ci aiuta enormemente nel determinate la larghezza della sella, dato che una sella deve essere abbastanza larga da poter fornire un supporto sufficiente alle ossa del bacino. Se ti accorgi di stare spingendo indietro sulla sella ripetutamente durante la tua uscita in bici, questo è un segno che stai cercando di trovare supporto per le ossa del bacino: ovvero la larghezza della sella è troppo stretta e questo può creare dolore nella parte anteriore della poggiata. Mentre se ti ritrovi seduto più avanti sulla sella, significa che la tua sella è troppo larga.

Prova una sella con il buco al centro

Le selle con un taglio al centro possono essere una soluzione per molti ciclisti poiché alleviano la pressione nelle aree dei tessuti molli: le selle “gap” sono state inventate per affrontare l’intorpidimento della zona pelvica poiché alleviano la pressione in una zona molto delicata.

Controlla l’inclinazione

L’angolo di inclinazione della sella può fare una differenza significativa per il comfort. Inclinando il “naso” della tua sella verso il basso anche di soli 2 gradi, questo può davvero migliorare il comfort in sella durante le pedalate.

 

dolori in sella

 

Attenzione al fondello

L’imbottitura all’interno del pantaloncino svolge un ruolo importante nella distribuzione della pressione e nell’eliminazione del sudore, inoltre deve rimanere saldamente in posizione durante tutte le fasi della pedalata. Scegli sempre fondelli realizzati con materiali anallergici e di altissima qualità che siano in grado di espellere gran parte del sudore che si genera nel sopra sella. Spendere soldi in un buon fondello è sicuramente un buon investimento anche se sarebbe opportuno poter provare i pantaloncini primi di acquistarli. Inutile dire che per far lavorare bene il fondello il ciclista non deve indossare le mutande.

Usa creme per ridurre i dolori da attrito

Per alleviare i fastidi di molte ore passate in sella molti ciclisti utilizzano creme lenitive a fine giro in grado di regalare sollievo. In questo caso è sempre buona cosa parlare con il vostro dermatologo prima di acquistare un prodotto del genere e ascoltare le sue indicazioni, in particolar modo se sono presenti allergie o dermatiti.

Togliti subito la salopette

La cosa migliore che possiamo fare una volta finita la nostra sgambata è quella di cambiare immediatamente i nostri indumenti tecnici e fare subito una doccia, avendo l’accortezza di lavarsi in modo non troppo aggressivo per non andare ad irritare la nostra pelle. Subito dopo la doccia sarà nostra premura indossare abiti molto comodi e non attillati, almeno per le prime ore dopo la pedalata.


Leggi anche:

“2000 euro di budget per la tua bici da corsa”

“1000 euro di budget per la tua prima bici da corsa”