Preparazione » Preparazione » Sport Kitchen » Cambio di stagione? Combatti così la stanchezza

Cambio di stagione? Combatti così la stanchezza

È arrivata la primavera ma spesso il cambio di stagione viene vissuto con qualche disagio come ad esempio una sensazione di spossatezza, voglia di far niente, scarsa concentrazione e difficoltà ad alzarsi dal letto. Elena Casiraghi ti spiega come fare per combattere questa sensazione di stanchezza attraverso l’alimenta

Redazione ENDU

13 Maggio 2022

1

Mamma mia che stanchezza, non mi alzerei più da qui. Ma sono certa di essere in buona compagnia e che questa stanchezza sia solo un segno del cambio di stagione. Eh già perché quando arriva una nuova stagione c’è un cambiamento a cui il nostro organismo deve far fronte. E ora vi spiego perchè. Ma prima usciamo.

E’ arrivata la primavera ma spesso il cambio di stagione viene vissuto con qualche disagio come ad esempio una sensazione di spossatezza, voglia di far niente, scarsa concentrazione e difficoltà ad alzarsi dal letto (più del solito intendo!). 

Ci sono due buone notizie. 

La prima è che non siete i soli, siete indubbiamente in buona compagnia poiché si tratta di un evento fisiologico che capita a buona parte di noi.

Il secondo è che possiamo fare qualcosa. 

La primavera infatti è la stagione della rinascita dopo il “riposo” invernale. La natura si è rigenerata e ora è pronta per rinascere. Lo stesso accade dunque anche al nostro organismo. Uno stato di risveglio infatti è quello in cui si trova. Il metabolismo riparte e si trova a fare un super lavoro per risvegliare “dal letargo” tutti gli organi. E’ importante per questo aiutarlo fornendogli tutte le sostanze di cui ha bisogno ed evitando invece quelle che potrebbero sovraccaricare ulteriormente questo stato. 

E allora andiamo con ordine.

Partiamo dai grassi. Scegli sempre nei tuoi pasti quelli buoni come l’olio extravergine di oliva. Ricordati che più ha quel sapore piccante più è ricco in polifenoli. Evita i grassi vegetali diversi dall’olio evo, come ad esempio quello di girasole o peggio di mais di cui sono ricchi per esempio tutti i prodotti da forno già confezionati. Così come evita i grassi animali come quelli delle carni o del burro. Ma ricorda gli acidi grassi omega 3 da fonti marine.

E ora continuiamo con gli zuccheri. Cerca di avere un’alimentazione povera in zuccheri e non associare più alimenti ricchi in zuccheri nei pasti (es. no pasta e dolce o frutta e dolce). Ricorda pertanto la strategia del piatto che ti è molto utile per comporre i tuoi pasti in maniera bilanciata.

Mangia verdura cruda a pranzo se ti è possibile che contribuisce ad eliminare le tossine.

Così come anche l’acqua, nella giusta quantità. Idratati assumendo circa 6-8 bicchieri di acqua al giorno (intendo quelli fuori dall’allenamento).

Fai attenzione a non eccedere coi caffè. 3 tazzine al giorno sono una giusta quantità.

E in ultimo il sale. Quanto basta. Troppo va da sé è dannoso ma al contempo non eliminarlo totalmente dalla tua alimentazione, specialmente se ti alleni.

Bene, ora che hai tutte queste informazioni non ti senti già più tonico? E allora se sei d’accordo vieni a correre con me: ti aspetto nella prossima puntata di Sport Kitchen dove parleremo di sport di endurance e proteine. Ti aspetto!


In collaborazione con Volkswagen Veicoli Commerciali