Lifestyle » Idee di viaggio » Lifestyle » Andrea Alessandrini e i tre passi sull’Everest

Andrea Alessandrini e i tre passi sull’Everest

È sempre stato un grande appassionato di viaggi e da qualche anno si è innamorato dei trekking. Il suo blog si apre su un planisfero dove spiccano le bandierine di tutti i luoghi visitati. E sono davvero tanti… Oggi Andrea ci racconterà del suo viaggio più affascinante e selvaggio: il trekking sull’Everest.

ENDU

31 Luglio 2022

0

Tutto ha avuto inizio con un blog dal titolo che è tutto un programma: Travels Beer. Come a dire: qui puoi trovare tante notizie di viaggi, ma vissuti con grande spirito goliardico.
E in effetti Andrea Alessandrini colpisce subito per la sua aria un po’ bohémien, i riccioli al vento e si ha sempre la sensazione che sia sempre in procinto di partire, mai stanziale (e infatti è davvero così). Anche adesso, mentre stiamo scrivendo, il suo blog ci informa che lui si trova in Brasile, impegnato in una delle sue incredibili avventure.
Sì, perché Andrea di avventure pazzesche ne ha vissute davvero tante ed è davvero difficile sceglierne una da farci raccontare. Alla fine, vuoi perché è stato il suo secondo trekking all’estero di lunga durata (il primo è stato nel circuito dell’Annapurna), vuoi perché si è svolto sulla Montagna delle Montagne, abbiamo scelto il trekking sui tre passi dell’Everest.
È stato un vero e proprio viaggio all’avventura, ricco di aneddoti e spunti. Uno su tutti: il volo da Katmandou a Lucka, l’aeroporto più piccolo del mondo, a bordo di un aereo di fortuna, piccolissimo e con i sedili dei due passeggeri montati pochi minuti prima del viaggio. E infatti non appena Andrea e il suo compagno di viaggio sono atterrati su quella pista sospesa tra le montagne, che fa sembrare ogni atterraggio un miracolo, hanno festeggiato con una birra.
L’esperienza sull’Everest è stata tra quelle che lasciano senza fiato. La sensazione di camminare a più di 5000 metri di quota, sovrastato dalle montagne più alte del mondo, conquistando ogni metro di dislivello con fatica, ha lasciato addosso una sensazione impareggiabile.
Ma ascoltiamo il racconto dell’Everest direttamente dalla voce di Andrea.

 

In collaborazione con Volkswagen Caddy California